FOX

Dopo IT, Andy Muschietti adatta un'altra storia di Stephen King: The Jaunt

di - | aggiornato

Andy Muschietti, dopo il grande successo dei due film di IT, tornerà a collaborare con Stephen King, adattando il suo racconto breve The Jaunt (Il viaggio). Ecco i primi dettagli.

Andy Muschietti, il regista di IT Getty

3 condivisioni 0 commenti

Condividi

Andy Muschietti, regista di IT (2017) e IT: Capitolo 2 (attualmente presente nei cinema USA e italiani), tornerà con ogni probabilità a collaborare con Stephen King. Sull'onda del successo dell'adattamento di uno dei più grandi capolavori del Re (IT, appunto), Muschietti lavorerà all'adattamento cinematografico di The Jaunt (in italiano Il viaggio), un racconto contenuto nella raccolta Scheletri del 1985.

Ad onor del vero, occorre dire che Muschietti stava lavorando ad un probabile adattamento del racconto ancor prima di mettere in cantiere IT. Le difficoltà incontrate per realizzare il progetto non sono però state poche, come ha dichiarato lo stesso cineasta a Consequence of Sound:

Il progetto è stato in sviluppo con B Plan [la società di produzione fondata da Brad Pitt nel 2002, n.d.R.] per alcuni anni. Abbiamo provato a decifrarlo e ora finalmente abbiamo uno sceneggiatore che può farlo. Mi piacerebbe molto. È difficile da decifrare perché è un racconto così breve ed eccezionale che poi devi espandere in una grande narrativa cinematografica. Ci è voluto un po', ora penso che abbiamo trovato la formula giusta. Non voglio dire troppo.

la raccolta ScheletriSperling & Kupfer
Scheletri, la raccolta di Stephen King che contiene il racconto The Jaunt (Il viaggio)

The Jaunt, originariamente pubblicato nel magazine The Twilight Zone Magazine nel 1981, vede come protagonista una famiglia che dev'essere spedita per un viaggio su Marte. Prima di partire, il padre gioca coi figli e racconta loro la storia di un viaggiatore che è stato troppo curioso. Spiega loro come gli scienziati abbiano riscontrato delle anomalie nei primi topi che sono stati spediti sul pianeta e svela che, in realtà, è possibile sopravvivere al viaggio solo in stato di incoscienza. Questa è la ragione per cui gli umani, prima di partire, debbono entrare in una specie di capsula capace di anestetizzare i viaggiatori. Uno dei figli dell'uomo, però, decide di rimanere sveglio durante il viaggio... Cosa accadrà?

La storia si svolge all'inizio del 24esimo secolo, in un futuro distopico in cui la tecnologia per il teletrasporto, denominata "Jaunting", è all'ordine del giorno, consentendo il trasporto istantaneo su enormi distanze, anche verso altri pianeti del sistema solare. Il governo, che ha appreso dello Jaunt attraverso l'uso da parte del suo inventore di un database di computer nei suoi esperimenti, ha presto preso il controllo del progetto, degradando lo scienziato a un prestanome nel programma. Dopo l'introduzione del Jaunt al pubblico nel 1991, il paese conobbe un forte boom economico e il prezzo del petrolio diminuì a tal punto che l'OPEC si sciolse.

Per conoscere ulteriori dettagli su questo progetto, ancora agli albori, non ci resta che attendere nuove e ufficiali notizie.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.