FOX

Raid Area 51: avvenuti i primi arresti per intrusione nella zona militare

di - | aggiornato

Nonostante gli avvertimenti, due youtuber olandesi sono stati arrestati con l'accusa di aver parcheggiato in una zona militare protetta vicina all'Area 51, in vista del festival Alien Stock.

Un cartello della Extraterrestrial Highway in Nevada Wiki Commons / Cooper.ch

61 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il 20 settembre prenderà il via Alien Stock, il festival musiciale noto in precedenza come il raid dell'Area 51 (nato su Facebook con l'evento Storm Area 51, They Can't Stop All of Us).

Gli appassionati di UFO e musica elettronica avranno a disposizione una due giorni all'insegna del divertimento, nonostante le forze dell'ordine (incluso l'FBI) siano sempre state piuttosto attente circa la pericolosità della cosa.

In origine, l'ormai ex raid era infatti stato organizzato per mettere in piedi una vera e propria invasione di massa all'interno dell'area militare segreta sita nel deserto del Nevada (al cui interno pare siano nascosti i resti alieni dell’incidente di Roswell del 1947).

Nonostante l'evento sia stato spostato dalla città di Rachel a Las Vegas, proprio per evitare la vicinanza eccessiva dei partecipanti alle zone militari dell'Area 51, sembra che qualcuno sia stato già 'pizzicato' dalle forze di polizia.

Come riportato da Yahoo (via ComicBook), due youtuber olandesi avrebbero infatti sconfinato (e parcheggiato la loro auto) all'interno dell'area protetta martedì 10 settembre, sostando in una zona assolutamente vietata dalle forze dell'ordine, a tre miglia all'interno del perimetro.

All'interno dell'auto sono stati trovati un computer portatile, un drone e una telecamera che, durante l'ispezione, rivelava alcune riprese effettuate in una base militare protetta.

Il ventenne Ties Grazier e il ventunenne Govert Charles Wilhelmus Jacob Sweep sono stati arrestati dalla polizia locale, ammettendo la loro colpevolezza. Entrambi dovrebbero tornare in Olanda entro una settimana dal fermo di tre giorni, come riferito dallo sceriffo della contea di Nye, nello Stato del Nevada attraverso un comunicato video condiviso anche su Facebook.

Come riportato dal Time, la polizia ha riferito inoltre che Granzier e Sweep hanno esplicitamente ammesso che, nonostante i cartelli 'No Trespassing' ('Vietato Oltrepassare') presenti nella zona, hanno deciso di ignorare l'avvertimento, in modo da raggiungere una struttura militare protetta molto vicina all'Area 51.

Ecco la dichiarazione di uno dei due youtuber, Sweep, ai microfoni di KTNV:

Non avevamo alcuna intenzione di prendere d'assalto l'Area, visto che ce ne saremmo andati il giorno prima dell'inizio dall'evento, volevamo solo... andarci.

Il procuratore distrettuale della contea di Nye, Chris Arabia, ha inoltre confermato il 'pugno duro' delle forze dell'ordine:

Per noi era importante che questi uomini scontassero il carcere e pagassero una notevole sanzione pecuniaria. Prendiamo sul serio questo genere di crimine. La gente deve capire che non tollereremo questo tipo di assurdità.

A seguito dell'applicazione della pena su richiesta delle parti (o patteggiamento) i due devono ora stare a distanza da tutti gli eventi che coinvolgono la sicurezza nazionale del Nevada (incluso, chiaramente, Alien Stock), più precisamente a un massimo di 150 metri, oltre a dover pagare una somma di denaro fissata a 2280 dollari ciascuno.

Granzier e Sweep hanno infine dichiarato in un video della polizia che 'non volevano causare problemi' e che hanno imparato dai loro errori. Ricordiamo che il festival Alien Stock si terrà dal 20 al 22 settembre, con l'augurio che nessun altro decida di infrangere la legge del Nevada in materia di 'raid in basi militari protette'.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.