FOX

Nick Carter ottiene un ordine restrittivo contro il fratello Aaron

di - | aggiornato

Il cantante Aaron Carter è stato colpito da ordinanza restrittiva, richiesta dal fratello Nick Carter (Backstreet Boys) e dalla sorella.

Aaron e Nick Carter Getty Images

51 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sono tempi duri per Nick Carter e per il fratello minore Aaron. Il maggiore ha infatti ottenuto un ordine restrittivo nei confronti del fratello, considerato pericoloso per la famiglia di Nick.

Il biondo cantante dei Backstreet Boys ha raccontato, in un post condiviso su Twitter, di essere stato costretto a prendere misure preventive contro il fratello per paura che questi potesse fare del male alla moglie Lauren Kitt.

"Dopo un’attenta considerazione, io e mia sorella Angel abbiamo dovuto chiedere un ordine restrittivo contro nostro fratello Aaron", ha scritto Nick. Una decisione difficile da prendere e a lungo ponderata.

Alla luce dei recenti e sempre più preoccupanti comportamenti di Aaron e in seguito alla sua confessione di aver pensato di uccidere mia moglie e il bambino che aspettiamo, non ci restava altra scelta se non quella di prendere ogni misura possibile per proteggere noi stessi e le nostre famiglie. Amiamo Aaron e speriamo che riceva le cure necessarie affinché non faccia del male a sé stesso o ad altri.

Aaron ha ammesso, durante un episodio del medical show The Doctors, di soffrire di "sdoppiamento della personalità, schizofrenia, attacchi di ansia acuta, tutte malattie maniaco-depressive". Ha detto però anche di avere intenzione di prendersi cura di sé e di essere pronto a combattere la sua dura battaglia contro le malattie diagnosticategli.

Tuttavia, ha negato di aver mai minacciato Nick e la sua famiglia. Si è detto sbalordito per le accuse mossegli contro e ha assicurato di non aver intenzione di ferire nessuno, tantomeno la sua famiglia.

Tutto ciò che chiedo è che la mia famiglia mi lasci in pace. Questo è sangue. Non amore.

Aaron si è sfogato tramite una serie di status su Twitter in cui ha raccontato la storia dell'inimicizia con fratello dal proprio punto di vista.

"Quindi mio fratello ha appena presentato un ordine restrittivo contro di me", ha scritto in un primo post, per poi aggiungere: "Abbi cura di te, Nick Carter, abbiamo chiuso per sempre" e "Non lo vedo da quattro anni. E non ho intenzione di rivederlo".

Il cantante, pronto a difendersi da tutte le accuse, ha posto l'attenzione su comportamenti aggressivi del fratello, che si sarebbe comportato da bullo nei suoi confronti quando Aaron era ancora un bambino.

A sostegno della sua tesi, Aaron Carter ha condiviso questo video:

E non è finita qui, perché Aaron, per dimostrare di non essere lui quello violento della famiglia, ha ricordato di quando il frontman dei Backstreet Boys è stato accusato di violenza sessuale su una minorenne.

Come mai mio fratello non ha ricevuto nessun ordine restrittivo quando una ragazza lo ha denunciato per stupro?

Aaron ha citato un post della ragazza in questione che ha scritto di aver avuto soli 15 anni all'epoca dei fatti. Poi ha ringraziato il cantante scrivendo: "Grazie, Aaron per essere stato lì per me".

Il cantante afferma di essere stato presente quando lo stupro sarebbe avvenuto e che il tutto è stato insabbiato e successivamente caduto nel dimenticatoio.

La situazione si fa sempre più complicata, perché accuse di Aaron nei confronti di Nick non si fermano qui. Il minore dei fratelli ha accusato l'altro di non aver mai tenuto alla famiglia e l'assenza di Nick al funerale della sorella Leslie, morta nel 2012 a causa di un'overdose di farmaci, lo proverebbe.

Lavoro su me stesso ogni giorno e sono sempre stato il bravo ragazzo in famiglia. Sono andato al matrimonio di mia sorella e al funerale di mia sorella. Lui non l'ha fatto.

Nick per ora ha scelto di non rispondere alle accuse del fratello, quindi per ora possiamo solo chiederci: come si evolverà l'incresciosa questione?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.