FOX

Usano la casa della Professoressa Sprout di Harry Potter per trafficare cocaina nel Regno Unito

di - | aggiornato

Miriam Margolyes, che ha vestito i panni di Pomona Sprout nella saga dedicata al maghetto, potrebbe essersi cacciata in guai seri.

Primo piano di Miriam Margolyes Warner Bros.

97 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un pittoresco cottage sulla scogliera di proprietà dell'attrice Miriam Margolyes, nota per aver interpretato la Professoressa Sprout in Harry Potter, è stato usato come punto di consegna segreto da alcuni narcotrafficanti: fungendo come base di atterraggio per gli elicotteri, serviva per portare nel paese milioni di sterline in cocaina.

L'abitazione, descritta come la più vicina dell'Inghilterra alla Francia, si trova poco distante da Dover, sulla costa sudorientale. Costruita nel 1910 e utilizzata come rifugio durante la Grande Guerra, appartiene alla famiglia della Margolyes da più di quarant'anni: a quanto pare l'attrice è coinvolta solo indirettamente nel traffico di droga, perché proprietaria del cottage affittato alla banda con sede nel Merseyside, che importava cocaina dal Belgio.

Gli incriminati, in tutto dodici, avrebbero trasportato mezza tonnellata di droga attraverso sei voli totali, per un valore complessivo di circa 17,25 milioni di sterline. Poi rivendevano la "polvere bianca" a prezzi molto più elevati, guadagnando illegalmente una fortuna.

Grazie a delle intercettazioni telefoniche, le forze dell'ordine sarebbero riuscite a risalire ai trafficanti, per i quali sono scattate subito le manette. Sono presto state inflitte pene molto severe, tra l'altro: tutti i membri del gruppo dovranno scontare dai 13 ai 20 anni di reclusione, mentre Miriam Margolyes attende ancora di essere processata.

Il sito web dedicato alla proprietà elenca un prezzo iniziale per una settimana di affitto pari a 350 sterline. La lunga carriera della Margolyes include il suo ruolo nel film del 1993 L'età dell'innocenza, per il quale ha vinto un BAFTA alla Migliore attrice non protagonista

Via: The Liverpool Echo

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.