FOX

[Spoiler!]

George R. R. Martin rivela nuovi dettagli sul prequel di Game of Thrones

di - | aggiornato

George R. R. Martin ha di nuovo parlato troppo (per la disperazione di HBO)? Lo scrittore ha rivelato un bel po' di nuovi dettagli sul prequel di Game of Thrones e sono molto interessanti...

Jon Snow e Ghost in Game of Thrones HBO

46 condivisioni 0 commenti

Condividi

I fan delle Cronache del ghiaccio e del fuoco sono molto arrabbiati (per usare un garbato eufemismo) con George R. R. Martin perché non ha ancora finito The Winds of Winter. Ma forse (forse) lo scrittore ha trovato un modo per farsi perdonare. Almeno un po'.

Nel corso di una intervista con Entertainment Weekly (EW), l'autore ha rivelato parecchi nuovi dettagli sul prequel di Game of Thrones. Non è dato sapere se HBO abbia autorizzato la chiacchierata a ruota libera di GRRM o se, di nuovo, lo scrittore abbia parlato un po' troppo. Ma di certo, le informazioni che ha condiviso sono molto interessanti.

Attenzione! Possibili spoiler!

In precedenza, è stato svelato che la serie sarà ambientata circa 5mila anni prima degli eventi di GoT e Martin ha fornito qualche dettaglio sulla situazione del Continente Occidentale:

Siamo abituati a parlare dei Sette Regni di Westeros. Sappiamo che all'epoca della conquista di Aegon Targaryen c'erano Sette Regni. Ma se andiamo indietro nel tempo, ce n'erano 9 e poi 12. E ancora più lontano nel passato, ce n'erano 100. 100 regni insignificanti. È questa l'era di cui parliamo nel prequel.

Come osserva EW, considerata l'instabilità del Continente Occidentale all'epoca del regno di Re Robert Baratheon, quando c'erano (per l'appunto) "solo" Sette Regni, è lecito pensare che la situazione politica al momento storico del prequel sia a dire poco caotica e che Westeros sia un luogo molto pericoloso.

Il mondo di GoT: WesterosHDawoiaf.westeros.org on Wikimedia Commons
All'epoca del prequel di GoT, Westeros è probabilmente un luogo molto pericoloso...

Ma chi popola le (a quanto sembra) ben poco ospitali terre del Continente Occidentale?

Per la gioia dei fan, GRRM ha dichiarato che nel prequel di GoT ci saranno gli Stark. Per la verità, la notizia non è inaspettata, dal momento che i signori di Grande Inverno discendono dai Primi Uomini. Tuttavia la conferma toglie ogni dubbio.

Invece, lo scrittore non ha parlato di draghi (a quanto pare non ci saranno né loro, né Targaryen), ma ha promesso la presenza di altre creature mitologiche, tra cui alcune molto amate:

Ci sono cose come metalupi e mammut. 

E poi ci saranno i grandi nemici di sempre:

Ovviamente, ci saranno i White Walkers. O come li chiamo nei miei libri, gli Estranei.

La presenza delle creature di ghiaccio che vivono nel profondo Nord significa che il prequel di Game of Thrones sarà incentrato sulla Prima Lunga Notte?

Un po' di tempo fa, GRRM aveva annunciato che lo spin-off si sarebbe intitolato The Long Night ed è stato "redarguito" da HBO, che di fatto lo ha "invitato" a ritrattare la sua dichiarazione. Attualmente, la serie ha iniziato le riprese (che si svolgeranno anche in Italia) con il titolo di Bloodmoon. Ma a quanto pare, potrebbe essere provvisorio.

Nell'intervista con EW, lo scrittore è tornato sull'argomento e probabilmente ci è ricascato:

Ho sentito dire che potrebbe intitolarsi The Longest Night, che è una variante che non mi dispiacerebbe. Non sarebbe male.

Se davvero Martin ha (di nuovo) "spoilerato" il titolo del prequel (per la disperazione di HBO), il sito osserva che probabilmente la scelta è stata dettata dal fatto che il terzo episodio di Game of Thrones 8 si intitola proprio The Long Night.

GoT: White Walkers schieratiHDHBO
Nel prequel di Game of Thrones ci saranno gli Estranei

Ma se non è dato sapere se GRRM ha scombinato un'altra volta i piani di HBO, di certo ha dichiarato che nello spin-off ambientato 5mila anni prima di GoT non saranno presenti i Lannister:

I Lannister non ci sono ancora, ma c'è Casterly Rock [Castel Granito, nella versione italiana, n.d.r.]. È come la Rocca di Gibilterra. Al momento è occupato dai Casterly, di cui porta ancora il nome al tempo dei fatti di Game of Thrones.

La fortezza è stata sottratta alla famiglia con l'inganno da Lann l'Astuto (colui che ha dato inizio alla dinastia dei Lannister), ma non è chiaro se nel prequel sarà mostrato questo evento.

E sempre in tema di personaggi e protagonisti, Martin ha spiegato che il nuovo progetto di HBO sarà una serie corale:

Esito a usare la definizione 'protagonista'. Come sapete, per Game of Thrones non abbiamo mai candidato nessuno per le categorie Migliore attrice protagonista e Miglior attore protagonista, se non di recente. È una scelta che è stata fatta per sostenere tutte le categorie, perché era una serie corale. E penso che sarà lo stesso anche per il prequel. Non abbiamo protagonisti, quanto un insieme di attori.

Le premesse promettono senza dubbio bene. Ma il prequel sarà in grado di eguagliare il successo della serie madre? Per saperlo, come sempre, non resta che aspettare.

Certo, se nel mentre fosse possibile leggere The Winds of Winter, l'attesa sarebbe decisamente meno faticosa...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.