FoxCrime

Bryan Singer: 150mila dollari per risolvere le accuse

di - | aggiornato

Il regista di Bohemian Rhapsody, Bryan Singer, pagherà ben 150mila dollari per risolvere le accuse di violenza rivolte verso di lui da parte di Cesar Sanchez-Guzman.

Bryan Singer durante una conferenza stampa Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Bryan Singer, regista di Bohemian Rhapsody, quasi due anni fa è stato accusato nuovamente di aver perpetrato violenza senssuale (dopo che nel 2014, l’attore e modello Michael Egan intentò una causa civile contro Singer, dichiarando di essere stato costretto a fare sesso con lui). Nel 2017 a denunciarlo è stato Cesar Sanchez-Guzman, secondo il quale Singer lo avrebbe costretto ad avere un rapporto sessuale nel 2003 durante un party a Seattle, quando la presunta vittima aveva ancora 17 anni.

Ora, secondo quanto riporta Deadline, il regista di X-Men: Apocalisse, nonostante abbia più volte proclamato la sua innocenza, ha deciso di pagare un risarcimento di 150mila dollari a Cesar Sanchez-Guzman per risolvere le accuse di stupro mosse contro di lui. 

Quando nel 2014 Sanchez-Guzman ha dichiarato bancarotta ed il caso è stato archiviato, nel 2018 i creditori di Sanchez-Guzman lo hanno subito riaperto sperando di ottenere un risarcimento; infatti questo è direttamente legato al caso contro Singer, dal momento che il credito di Sanchez-Guzman contro il regista era stato annoverato tra i suoi beni e quindi qualsiasi ricavato doveva essere disponibile per i suoi creditori.

Il 12 giugno scorso le due parti (i legali del regista e le controparti della presunta vittima) hanno trovato l'accordo per l'indennizzo e subito dopo l'annuncio l'avvocato di Singer, Andrew Brettler, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni in merito, facendo ben intendere che il motivo che ha spinto il regista a pagare è stato un altro.

Il Sig. Singer ha addirittura negato di conoscere questo individuo, figuriamoci di aver interagito con lui più di 15 anni fa.

La decisione di risolvere la questione con i creditori è stata puramente commerciale, dato che i costi della causa avrebbero superato l’importo richiesto dagli amministratori fiduciari per pagare i creditori a cui dovevano dei soldi quando il debitore ha dichiarato bancarotta.

Bryan Singer alla premier di X-Men: ApocalisseGetty Images

In base ai termini dell'accordo, di quei 150mila dollari i creditori ne riceveranno circa 61mila, la maggior parte dei quali rappresentano il debito dei prestiti allo studente. Ulteriori soldi saranno utilizzati per pagare la gestione del caso, mentre a Sanchez-Guzman finirà il denaro avanzato.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.