FOX

Game of Thrones, un algoritmo predice le morti della stagione finale

di - | aggiornato

Vi siete chiesti chi potrebbe morire nella stagione finale di Game of Thrones? Un algoritmo ha la risposta che fa per voi.

7 condivisioni 0 commenti

Condividi

La serie TV Game of Thrones ha abituato i propri fan a morti scioccanti e spesso inaspettate. Adesso che l’ottava e l’ultima stagione è iniziata, è tempo di previsioni. A questo proposito esiste un ambizioso progetto, che si serve di un algoritmo per determinare le probabilità di sopravvivenza di un personaggio agli avvenimenti dell’ultima stagione.

Un team di scienziati dell'università tecnica di Monaco di Baviera (TUM) ha sviluppato l'algoritmo, che prende in considerazione le informazioni di un personaggio, come la casata a cui appartiene e i personaggi con cui si allea, per poi determinarne la possibilità di morte, espressa in percentuale.

Secondo le previsioni attuali, il team suggerisce che Daenerys ha quasi la totale garanzia di sopravvivere alla stagione, con solo 0,9% di probabilità di morire. Tra i primi cinque personaggi con meno probabilità di morire, ci sono Tyrion Lannister (2,5%), Varys (3,2%), Samwell Tarly (3,3%) e Jaime Lannister (4,0%).

Qual è il guerriero più forte in Game of Thrones? La sfida

Vota

Dall'altro lato della medaglia, Sir Bronn è quasi certo di passare all’aldilà, con un 93,5% di probabilità. Altri personaggi che potrebbero morire, secondo l'algoritmo TUM, sono Gregor Clegane (80,3%), Sansa Stark (73,3%), Bran Stark (57,8%) e Sandor Clegane (47,5%).

Si tratta di un progetto molto interessante, al quale l'università ha dedicato un intero sito web, con un database completo che è possibile consultare per vedere le varie percentuali di sopravvivenza. Potete visualizzare le mappe, che indicano i luoghi in cui un personaggio è stato, e potete anche confrontare il destino di un personaggio nella serie TV con la sua controparte cartacea. Infatti, tutto è realizzato sia per la serie televisiva, che per la saga di libri che l'autore, George R. R. Martin, deve ancora completare.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.