FOX

Game of Thrones 8: un drago è il Trono di Spade nel poster ufficiale (e si scatena la caccia agli indizi)

di - | aggiornato

Il nuovo poster di Game of Thrones 8 mostra un Trono di Spade molto speciale... un drago! La suggestiva immagine ha mandato in subbuglio i social e (ovviamente) ha scatenato la caccia agli indizi.

985 condivisioni 0 commenti

Condividi

È una indicazione di quello che accadrà? Nelle scorse ore, HBO ha condiviso un nuovo poster ufficiale di Game of Thrones 8, in cui un drago è il Trono di Spade.

Manco a dirlo, l'immagine (bellissima e suggestiva) ha letteralmente mandato in tilt i social. Ma soprattutto (ovviamente) ha scatenato la consueta, inevitabile caccia agli indizi.

Come osserva Bustle, ci sono alcuni dettagli che potrebbero essere qualcosa di più che semplici elementi grafici.

Su quella che può essere considerata la fronte del drago, campeggiano in primo piano due spade, che sembrano formare una corona.

Secondo il sito, potrebbe trattarsi di una allusione al fatto che Daenerys conquisterà (infine) l'Iron Throne. La (pen)ultima dei Targaryen (almeno, di quelli noti) non solo è la Madre dei Draghi, ma è anche una regina guerriera che ha vinto molte battaglie. Dunque, quale corona più indicata, se non una fatta di spade?

D'altra parte, Bustle suggerisce anche che le due spade potrebbero simboleggiare Jon Snow, la sua duplice natura di Stark e Targaryen e (di conseguenza) la sua fedeltà a due famiglie e due casate.

Il sito si spinge anche a ipotizzare che rappresentino le due spade forgiate da Ghiaccio (lo spadone di Ned Stark): Lamento di vedova e Giuramento. Ma non nel senso che sull'Iron Throne sederanno Jaime e Brienne (anche se...), bensì che solo rifondendole in un'unica arma sarà possibile fermare la nuova Lunga Notte.

In rete circola una teoria (una delle tante) secondo la quale Ghiaccio sarebbe (stata) la leggendaria Portatrice di Luce, ovvero la spada con la quale Azor Ahai ha sconfitto gli Estranei nella storia remota di Westeros.

Di conseguenza, Jon e Daenerys (rinati nel ghiaccio e nel fuoco) sarebbero entrambi il Principe che venne promesso e dovrebbero (ri)unire loro stessi e le due spade per fermare il Night King.

Questa ipotesi è stata suggerita anche da un utente di Twitter, che ha altresì notato che tra le due spade ce ne sarebbe una terza:

La spada "nascosta" sembra ancora più evidente nell'immagine promozionale condivisa da HBO sul sito ufficiale di Game of Thrones:

GoT: il nuovo poster con il drago Trono di SpadeHDHBO
Il Trono di Spade è un drago nel nuovo poster di Game of Thrones

L'ultima opzione di Bustle è che il poster sia un indizio del fatto che il Trono di Spade lo conquisterà Drogon... radendo al suolo Approdo del Re.

Ma se non fosse il figlio prediletto di Daenerys a distruggere la Capitale? Bensì quello che l'ha "tradita", ovvero Viserion?

Nella sua visione nella Casa degli Eterni, la Khaleesi vede una Fortezza Rossa bruciata dalle fiamme. Ma quando allunga la mano verso l'Iron Throne, qualcosa la distrae e non riesce a toccarlo. Dunque, potrebbe arrivare vicinissima all'agognata meta, ma non conquistarla mai. Perché qualcun altro lo farà: il Night King (che al momento cavalca il drago non morto) oppure Jon, che secondo un'altra teoria riconquisterà Viserion dal Re della Notte.

Insomma, come sempre quando si tratta di Game of Thrones, le ipotesi si moltiplicano in maniera inarrestabile. Ma la verità è che i fan conosceranno il destino dei Sette Regni e degli amati e odiati contendenti al Trono di Spade solo quando la sigla risuonerà per l'ultima volta, il 19 maggio.

La prospettiva toglie il fiato, ma prima ci sono 6 epici episodi da vedere. L'appuntamento è per il 14 aprile.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.