FoxCrime

Monster: la storia vera di Aileen Wuornos che ha ispirato il film con Charlize Theron

di -

Il premio Oscar Charlize Theron veste i panni della prima serial killer donna americana Aileen Wuornos in Monster, la pellicola scritta e diretta da Patty Jenkins.

Charlize Theron è Aileen Wuornos Newmarket Films

81 condivisioni 0 commenti

Condividi

Diretta da Patty Jenkins, Monster è la pellicola del 2003 ispirata alla vera storia della prostituta statunitense Aileen Wuornos, che uccise ben sette uomini prima di essere giustiziata in Florida nel 2002. 

Protagonista assoluta del film è Charlize Theron, che per la sua straordinaria interpretazione ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui l'Oscar come Miglior attrice, un Golden Globe e un SAG Award. Ad affiancarla nel cast troviamo Christina Ricci nel ruolo di Selby, la giovane donna di cui Aileen si innamora e con la quale inizia un'intensa e profonda relazione. 

Inizialmente per il ruolo della protagonista la produzione aveva pensato a Kate Winslet e Reese Witherspoon, ma la regista scelse l'attrice sudafricana dopo averla vista nel film L'avvocato del diavolo. Per la parte di Selby invece venne scelta Kate Hudson, ma l'attrice non accettò.

Charlize Theron per interpretare Aileen Wuornos è dovuta ingrassare di ben 15 chili e si è dovuta sottoporre ad un trucco speciale per poter peggiorare il suo aspetto fisico e cancellare tutta la sua incredibile bellezza. 

Prodotto con un budget iniziale di soli 8 milioni di dollari, Monster ha avuto un buon successo al botteghino, dove è riuscito ad incassare oltre 60 milioni di dollari in tutto il mondo. Il film negli USA è stato vietato ai minori di 17 anni non accompagnati a causa della presenza di scene di forte violenza e di un linguaggio spinto a sfondo sessuale. In Italia invece la pellicola è stata vietata ai minori di 14 anni.

La sceneggiatura di Monster è stata firmata sempre da Patty Jenkins, che per scriverla ha impiegato sette settimane, basandosi sulle tantissime lettere che la Wournos aveva scritto dalla prigione.

Se volete saperne di più sul film di Patty Jenkins con Charlize Theron, a seguire trovate la trama e la storia vera che l'ha ispirato. 

La trama

La trama di Monster ruota intorno ad Aileen Wuornos (Charlize Theron), una prostituta che un giorno entra in un locale gay e incontra Selby (Christina Ricci), una giovane donna rifiutata dai suoi genitori. Inizialmente le due hanno un piccolo diverbio ma, dopo una breve chiacchierata, Selby decide di invitare Aileen a trascorrere la notte da lei in maniera amichevole. Senza nessun posto dove andare, la donna decide di accettare la proposta della giovane e prende quell'incontro come un segno del destino, visto che quel pomeriggio era arrivata ad un passo dal suicidio. 

Tra le due inizia a nascere un forte legame che presto si trasforma in una vera e propria relazione amorosa. Tuttavia Aileen, per poter sopravvivere e guadagnarsi qualche soldo, continua a prostituirsi e una sera viene stuprata da un cliente. La donna riesce a liberarsi a fatica e a uccidere l'uomo senza raccontare nulla a Selby su quanto accaduto. Le due decidono di andare a vivere insieme, ma sono spesso in difficoltà economiche; così Aileen si mette alla ricerca di un vero lavoro, senza però riuscire a trovare nulla a causa della sua mancanza di esperienza e del suo carattere poco gentile. 

Arrabbiata e delusa, Aileen decide di raccontare tutto a Selby e le confessa di voler riprendere a prostituirsi così da poter riuscire a racimolare un po' di soldi e permettere loro di vivere dignitosamente. La donna però non ha ancora superato lo stupro subito e non riesce più a lavorare, tanto che si ritrova ad uccidere anche un secondo cliente. Nel frattempo i suoi sentimenti per Selby diventano sempre più forti. Un giorno, quando Selby le chiede di andare a Fun World, pur di farla felice decide di accontentarla. 

Charlize Theron e Christina Ricci HDNewmarket Films

Sulla strada del ritorno però la coppia ha un incidente e due persone anziane provano a prestare soccorso. Aileen rifiuta il loro aiuto. Poco dopo la donna decide di abbandonare la macchina che aveva rubato alla sua seconda vittima ed è costretta a confessare a Selby anche il secondo omicidio commesso. La giovane inizialmente si arrabbia con Aileen, ma poi comprende il suo gesto - fino a quando Aileen non uccide un'altra persona. Stavolta le cose si mettono male, in quanto la vittima è un poliziotto.

La coppia decide così di fuggire e lasciare la città, ma prima di partire Aileen commette l'ennesimo omicidio ai danni di un uomo che voleva solo aiutarla. Quando torna a casa trova Selby che sta guardando il notiziario in TV, dove vengono mostrati i loro identikit. Aileen decide così di far tornare la sua ragazza a casa per tenerla al sicuro, lontano dalla polizia che le sta cercando. La donna le promette che, una volta calmatesi le cose, sarebbe tornata da lei e insieme sarebbero fuggite lontano. Quella sera però, mentre si trova in un locale a bere con il suo amico Tom, Aileen viene arrestata da poliziotti in borghese che la portano in carcere. 

Una volta in prigione la donna, costretta ad indossare la tradizionale tuta arancione, chiama Selby ma non vuole parlare con lei per telefono per timore che la loro telefonata sia controllata. Tuttavia, Selby le dice di essere ormai braccata e che la sua foto è sul giornale. Quando Aileen capisce che stanno intercettando la loro conversazione e che Selby è controllata dalla polizia, decide di confessare tutto così da evitare di far ricadere le colpe anche sulla ragazza per la quale prova un profondo amore. 

Chi era Aileen Wuornos? La storia vera della prostituta serial killer

Aileen Wuornos è nata il 29 febbraio del 1956 a Rochester nel Michigan e, come riportato da The Famous People, ha avuto un'infanzia molto turbolenta: suo padre era uno psicopatico e molestatore di bambini, mentre sua madre decise di abbandonare lei e suo fratello, che furono poi adottati dai nonni materni. Suo nonno però era un pedofilo che abusò di lei fin da quando era piccola. All'età di 14 anni Aileen rimase incinta e venne trasferita per un periodo in una casa per madri non sposate. Dopo la nascita di suo figlio, la donna lo affidò a un orfanotrofio e tornò dai nonni, dove rimase per un periodo di tempo prima di essere cacciata via. 

Aileen iniziò così a prostituirsi per potersi mantenere. Nel 1974 venne arrestata per la prima volta per guida in stato di ebbrezza e per aver sparato dall'auto in movimento con una pistola calibro 22. Nel 1976, all'età di 20 anni, decise di sposare Lewis Gratz Fell, un ricco 69enne, ma l'uomo chiese il divorzio dopo poche settimane dal matrimonio a causa del comportamento violento e anti-sociale della donna. Qualche giorno dopo, suo fratello Keith morì a causa di un cancro all'esofago e Aileen ereditò 10mila dollari.

Nel 1986 venne arrestata diverse volte per svariati motivi, tra cui quello di aver minacciato un uomo con una pistola per farsi dare del denaro. Tre anni dopo, nel 1989, la donna iniziò una profonda relazione amorosa con Tyria Moore (Selby nel film), una cameriera lesbica conosciuta una sera in un locale gay. Le due andarono presto a vivere insieme, e Aileen continuò prostituirsi per poter mantenere lei e la sua compagna. Il 30 novembre di quello stesso anno la donna tornò a casa con l'auto della sua prima vittima e raccontò a Tyria di essere stata costretta ad uccidere il suo cliente perché l'uomo aveva tentato di stuprarla. La macchina e il corpo di Richard Mallory vennero ritrovati il 13 dicembre in un bosco vicino all'autostrada. 

Il 5 maggio del 1990 poi venne scoperto il cadavere di un altro uomo, ucciso da due colpi sparati da una calibro 22. Non si riuscì mai a risalire alla sua identità visto lo stato avanzato di decomposizione del corpo. Il mese successivo fu ritrovato il corpo del camionista David Spears, anche lui ucciso con una calibro 22. Durante le indagini, non si riuscì a trovare nessun indizio particolare, ma alla fine risultò che l'omicida era con ogni probabilità una donna, forse una prostituta che uccideva i suoi clienti.

Il 6 giugno venne ritrovata un'altra vittima. Il cadavere era in stato di decomposizione avanzata, ma si riuscì a risalire alla sua identità grazie al suo veicolo, scoperto nelle vicinanze. L'uomo era un allevatore di bestiame di nome Charles Carskadonn. In seguito vennero ritrovati i cadaveri di altre persone: Eugene Burness, il poliziotto in pensione Walter Jeno Antonio, e Dick Humpreys. La polizia iniziò così a riscontrare diverse analogie tra i crimini, che portarono all'ipotesi che si trattasse dell'opera di un'assassina seriale. Le autorità cominciarono a ricostruire il modus operandi della killer.

La svolta arrivò quando Aileen Wuornos lasciò a un banco di pegni una videocamera che era appartenuta a una delle sue vittime, Richard Mallory. Gli inquirenti vi trovarono le sue impronte digitali. 

La donna venne così arrestata durante una festa di motociclisti, ufficialmente con l'accusa di porto d'armi abusivo. Come riportato fedelmente nella pellicola di Patty Jenkins, Tyria venne interrogata e raccontò alla polizia tutti i crimini commessi da Aileen. La donna venne poi costretta a parlare con la Wuornos per spingerla alla confessione. Durante la telefonata Aileen, che aveva capito di essere intercettata, decise di confessare tutto per salvare la sua amata da ogni accusa. Il processo ebbe inizio nel gennaio del 1992 e, nonostante la donna fosse stata accusata solo del primo omicidio, la corte della Florida non tenne conto dell'attenuante della violenza subita dalla Wuornos e decise di condannarla a morte. 

La donna tentò più volte di difendersi, dichiarando che tutte le sue vittime avevano cercato di violentarla e che lei era stata costretta ad ucciderle. Presentò anche ricorso in appello, ma senza successo. In seguito Aileen venne sottoposta a diverse perizie psichiatriche ma fu considerata totalmente capace di intendere e di volere. Dopo il processo, lei e Tyria non si parlarono mai più. Il 9 ottobre del 2002, dopo 12 anni di carcere, Aileen venne giustiziata con un'iniezione letale. Il suo corpo venne poi cremato e le sue ceneri portate nella sua città di origine dalla sua amica Dawn Botkins, che le sparse sotto un albero.

Cosa ne pensate della storia di Aileen Wuornos? Vi è piaciuto il film con Charlize Theron?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.