FoxCrime

Liam Neeson dichiara in un'intervista shock di avere pensato a un omicidio a sfondo razzista

di - | aggiornato

Liam Neeson ha confessato in una intervista di avere pensato di uccidere un uomo di colore per vendicare una persona a lui cara. Quella dell'attore è stata una vera e propria confessione.

Liam Neeson a un evento ufficiale Getty Images

270 condivisioni 2 commenti

Condividi

I meme e le battute sul "giustiziere" Liam Neeson sono uno dei grandi tormentoni del web. Ma stavolta non è un film e non è uno scherzo. In una intervista alla giornalista Clémence Michallon di The Independent, l'attore di origini nordirlandesi ha dichiarato di avere pensato di commettere un omicidio a sfondo razzista.

La "confessione" è nata da una riflessione sul suo ultimo ruolo nel film Un uomo tranquillo, in cui interpreta un padre che vede uccidere il figlio da un boss della droga e decide di vendicarsi:

È qualcosa di primitivo. Dio non voglia che qualcuno della vostra famiglia rimanga ferito in un crimine. Vi racconterò una storia vera.

Neeson ha spiegato che, di ritorno da un viaggio all'estero, ha scoperto che una persona a lui cara era stata vittima di uno stupro:

Lei ha gestito quello che le era accaduto in una maniera straordinaria. Ma la mia prima reazione è stata... Le ho chiesto se sapeva chi fosse. Mi ha risposto di no. Poi le ho domandato di che colore avesse la pelle. Mi ha detto che era un afroamericano.

L'attore ha raccontato di essere stato sopraffatto da un irrazionale, cieco desiderio di vendetta:

Ho incominciato a fare avanti e indietro per alcune zone della città con un manganello, con la speranza che mi si avvicinasse qualcuno. Mi vergogno a dirlo. L'ho fatto per una settimana. Speravo che un 'bastardo negro' [mima il gesto delle virgolette aeree, n.d.r.] uscisse da un pub e venisse a dirmi qualcosa. In modo che potessi... ucciderlo.

Neeson ha detto che gli ci è voluto del tempo per riprendere il controllo:

Ho avuto bisogno di una settimana, forse una settimana e mezza, per riuscire ad andare oltre. Lei mi chiedeva: 'Dove stai andando? C'è qualcosa che non va?'. E io le rispondevo: 'Sto solo uscendo per fare una passeggiata. Non c'è niente che non va'. 

Liam Neeson alla reunion di Schindler's ListHDGetty Images
Liam Neeson con Steven Spielberg e Ben Kingsley alla reunion di Schindler's List

Come scrive Clémence Michallon, l'attore è apparso inorridito e provato dalla consapevolezza dei suoi pensieri e ha dichiarato che era la prima volta che ne parlava:

È stato orribile. Provo orrore quando mi guardo indietro e penso a cosa ho fatto. Non l'ho mai detto prima. Lo dico ora a un giornalista. Dio non voglia.

Neeson ha concluso la sua confessione shock con una riflessione piena di dolore:

Sono cresciuto durante i Troubles in Irlanda del Nord. Ho conosciuto alcuni ragazzi che sono morti facendo lo sciopero della fame. Avevo dei conoscenti che erano molto coinvolti nel conflitto. Conosco quel bisogno di vendetta, ma porta solo a più vendetta e una escalation di omicidi. L'Irlanda del Nord ne è la prova. Tutta la violenza che c'è nel mondo ne è la prova. Ma capisco quel bisogno primordiale.

L'intervistatrice di Neeson scrive che, alla fine dell'incontro, l'attore era profondamente scosso e turbato. Ma la decisione dell'interprete di Schindler's List di raccontare senza filtri uno dei momenti più bui della sua vita ha avuto un immediato contraccolpo nell'opinione pubblica.

Neeson è stato pesantemente criticato sui social:

A quanto pare, Liam Neeson è un po' razzista...

Liam Neeson è un razzista fatto e finito. È triste, perché mi piaceva molto. Ha trovato una scusa per dare sfogo in modo violento al suo razzismo. Era pronto a colpire e ferire un uomo di colore innocente per qualcosa che non aveva fatto. È semplicemente disgustoso.

Alcuni hanno criticato anche la giornalista Clémence Michallon, definendo "folle" la sua decisione di consultare uno psicologo per "contestualizzare il razzismo di [Liam Neeson, n.d.r.]" e di inserire le risposte a completamento dell'intervista:

The Independent ha chiesto a Liam Neeson se fosse disponibile ad approfondire la vicenda, ma l'attore ha rifiutato. Così come ha negato un commento sulla sua dichiarazione a Variety.

Tuttavia, non è detto che non scelga di parlare nelle prossime ore.

Restate sintonizzati per gli eventuali aggiornamenti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.