FOX

Ritrovato il Nintendo Wii placcato oro dedicato alla regina Elisabetta

di - | aggiornato

Dopo quasi dieci anni, viene risolto uno dei misteri del mondo videoludico: che fine ha fatto la console Nintendo dorata dedicata alla regina Elisabetta?

La versione dorata di Nintendo Wii Nintendo/THQ

44 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il mondo dei videogiochi è ricco di storie più o meno bizzarre che non mancano di strappare un sorriso. L’ultima stravaganza videoludica è stata segnalata da Kotaku e riguarda Nintendo Wii, una delle console di maggior successo della casa di Kyoto, e THQ, publisher statunitense che ha chiuso i battenti nel 2013. Continuate a leggere per scoprire l’esistenza di console dorate, corrispondenze mancate e collezionismo di alto livello.

Nel 2010 THQ lancia Big Family Games, un titolo che tenta di cavalcare il successo di prodotti come Wii Sports proponendo minigiochi sportivi per tutta la famiglia. A differenza del titolo sviluppato dalla stessa Nintendo, però, non si tratta di attività tradizionali, come tennis o golf, ma di una serie di gare di lancio di ferri di cavallo. Tra lo stupore generale, il soggetto del gioco non ebbe grande presa sul pubblico, e perciò THQ pensò bene di lanciarsi in un’iniziativa per attirare l’attenzione di media e pubblico: inviare una copia del gioco alla regina Elisabetta II del Regno Unito.

Nintendo Wii e la versione dorata destinata alla regina ElisabettaHDPeople Make Games

Ma non è tutto: oltre al titolo, il pacchetto targato THQ conteneva anche una preziosa edizione placcata oro di Nintendo Wii. Se vi state chiedendo perché, ecco il comunicato stampa dell’epoca che illustrava l’iniziativa:

La famiglia reale è senza dubbio una delle più importanti della nazione e per questo pensiamo che debba avere una copia del nostro nuovo gioco. Abbiamo pensato, però, che Sua Maestà non abbia voglia di giocare su una vecchia console e così abbiamo commissionato una speciale versione dorata che le verrà consegnata. Speriamo che lei e il resto della famiglia reale possano divertirsi!

La stramba iniziativa, evidentemente, era destinata a fallire. A spiegare perché è stato Chris Bratt, di People Make Games, che in un video ha documentato la sua personale ricerca del Nintendo Wii dorato (ricordiamo, tanto per sfatare un altro mistero dei videogiochi, che Wii va sempre al maschile, secondo quanto chiarito da Nintendo sul sito ufficiale della compagnia). Ogni pacco spedito a Buckingham Palace, infatti, viene sottoposto a rigidi controlli e il più delle volte la corrispondenza giudicata non essenziale viene rispedita al mittente prima che la regina, o gli altri membri della famiglia, possano mettere gli mani sulla posta a loro riservata.

THQ era piuttosto certa che la regina non avrebbe ricevuto il pacco ma, all’epoca, l’intera iniziativa era apparsa come una via utile per attirare un po’ di attenzione attorno al gioco. Questo, però, ci porta alla seconda parte della storia: se il Wii dorato non è a casa della regina Elisabetta, dove si trova?

Nel video già segnalato Bratt, dopo aver ricevuto più di un rifiuto da parte di ex membri di THQ di commentare la vicenda, arriva a rintracciare un collezionista di Utrecht, in Olanda, che ha l’obiettivo di acquistare qualsiasi versione possibile di console Nintendo, come Gamecube e Nintendo 64. Tra queste, ovviamente, c’è anche l’ambita versione dorata di Wii, che giace in maniera trionfale in una vetrina.

Una foto del Nintendo Wii doratoHDYoutube/People Make Games

Insomma, questa storia vagamente senza senso sembra essersi conclusa. Ma la regina avrà forse qualcosa da dire?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.