FOX

Samuel L. Jackson parla della sua passata dipendenza dal crack

di - | aggiornato

L'attore Samuel L. Jackson si confessa intervistato dall'Hollywood Reporter e discute del suo passato e degli inizi della sua carriera.

698 condivisioni 0 commenti

Condividi

Samuel L. Jackson si è conquistato la copertina dell'Hollywood Reporter, per cui ha rilasciato un'intervista.

Tra gli argomenti che ha discusso c'è stato quello dei suoi trascorsi da tossicodipendente.

Il famoso attore ne ha parlato sinceramente, raccontando che, tra gli anni Ottanta e i Novanta, fumava crack mentre lavorava in teatro.

A quel tempo, Jackson si trovava a Broadway, era il sostituto di Charles Dutton in The Piano Lesson, l'opera teatrale di August Wilson.

Me ne stavo seduto ogni sera sui gradini del teatro e ascoltavo Charles Dutton interpretare la parte. Sedevo lì e fumavo crack mentre ascoltavo lo spettacolo. Mi faceva infuriare, perché dovevo restarmene lì a sentirlo ripetere la sue battute e pensavo: 'Non è giusto'.

Jackson ha ricordato anche un secondo episodio risalente a quel periodo, quando ha incontrato un'attrice che ammira molto, Jessica Lange.

Lei faceva una pausa mentre era impegnata con Un tram che si chiama desiderio. Jackson non l'ha avvicinata allora, ma ha potuto lavorare accanto a lei qualche anno più tardi, nel film Lontano da Isaiah.

Fumavamo sigarette sotto la pioggia riparati da una tenda da sole mentre giravamo a Chicago. Era divertente, ma non le ho mai detto: 'Hey Jessica, ti guardavo mentre fumavo crack'.

Il giorno in cui ha capito che era giunto il momento di farsi aiutare è stato quando moglie e figlia lo hanno trovato riverso sul pavimento della cucina. La sua famiglia ha insistito che andasse in rehab e lui ha accettato.

L'attore è sobrio da allora, ma ha ammesso che la riabilitazione non è stata una passeggiata.

Tutti quanti in rehab cercavano di parlarmi, mi dicevano: 'Ti rovinerai la vita se continui a fumare crack. I tuoi problemi non spariranno. E bla bla bla'. E io rispondevo: 'Sapete cosa? Non voglio vedere più le vostre facce, figli di p*****a, e solo per questa ragione non farò più uso di droghe'. Li detestavo.

Proprio mentre era in rehab, Jackson ha ricevuto un copione da Spike Lee. Il regista voleva che Jackson interpretasse un tossico nel suo film Jungle Fever.

Ironicamente, quello di Gator Purify è stato il primo lavoro da sobrio di Jackson.

Parlando della sua carriera, Samuel L. Jackson ha ricordato l'incontro con Quentin Tarantino, durante le audizioni per il film Le iene.

Jackson non ha mai ottenuto la parte, ma ha rivelato un curioso dietro le quinte: ha letto le sue battute con Tarantino in persona, ma non ha capito che fosse il regista del film, così ha pensato che si trattasse semplicemente di un pessimo attore.

Qualche tempo più tardi, quando Le iene è stato presentato al Sundance Film Festival, Jackson era tra il pubblico. Si è avvicinato a Tarantino e lo ha riconosciuto.

Pensavo: 'Wow, che bel film', e poi ho realizzato che il tizio con cui avevo letto le battute era il regista! Sono andato da lui e gli ho detto quanto il film mi fosse piaciuto, ma gli ho detto anche che sarebbe stato migliore con me nel cast.

La risposta di Tarantino è stata:

Bene, perché sto scrivendo qualcosa per te proprio in questo momento.

E così, qualche settimana dopo, nasceva Pulp Fiction.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.