FOX

Il ragazzo invisibile: trama, finale e spiegazione del film

di - | aggiornato

Michele è un adolescente timido e impopolare che vive con sua madre Giovanna. La sua vita però cambia quando scopre di avere un superpotere: quello di diventare invisibile.

21 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il ragazzo invisibile è una pellicola di genere fantasy diretta dal noto regista italiano Gabriele Salvatores nel 2014.

Il protagonista del film è il giovane attore Ludovico Girardello, che interpreta il timido adolescente Michele Silenzi (che scopre di poter diventare invisibile). Nel cast troviamo anche Valeria Golino, Fabrizio Bentivoglio, Noa Zatta, Christo Jivkov e KseniyaRappoport. La sceneggiatura è stata firmata da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo. 

Distribuito da 01 Distribution, Il ragazzo invisibile è stato accolto abbastanza positivamente dalla critica ed ha ottenuto un buon successo al botteghino, incassando oltre 4 milioni di euro in Italia.

Il film di Salvatores ha inoltre ricevuto nel 2015 ben 10 nomination ai David di Donatello, riuscendo a conquistare il premio per i migliori effetti speciali. Il film ha poi vinto anche due Nastri d'Argento: per il miglior soggetto e il miglior casting director. 

Nel 2018 Gabriele Salvatores ha realizzato un sequel della pellicola intitolato Il ragazzo invisibile - Seconda generazione e ambientato tre anni dopo gli eventi del primo capitolo.

La trama

Michele Silenzi (Ludovico Girardello) è un ragazzo di tredici anni che vive in una tranquilla città sul mare insieme a sua madre Giovanna (Valeria Golino), che lo ha adottato dopo averlo trovato davanti alla porta di casa quando era solo un neonato. Michele adesso è un adolescente timido e non proprio popolare a scuola, dove viene spesso preso in giro dai suoi compagni di classe. Ma a lui non interessa poi molto: l'unica cosa che desidera davvero è riuscire ad attirare le attenzioni di Stella, la compagna di classe per cui si è preso una cotta e che però sembra proprio non accorgersi di lui. 

Un giorno, tuttavia, la monotonia della sua vita viene completamente stravolta da un'incredibile scoperta. Durante i festeggiamenti per Halloween, Michele si traveste da supereroe indossando un costume comprato in un tetro bazar. Il giovane viene preso di nuovo in giro dai suoi compagni e il giorno dopo, mentre si guarda allo specchio, accade una cosa sconvolgente: scopre di essere diventato invisibile.

Sorpreso di avere questo superpotere, Michele decide di approfittarne per prendersi la sua vendetta sui bulli della scuola. Ma per poter restare invisibile deve essere completamente nudo, e questo lo porta spesso ad ammalarsi. Inoltre Michele scopre che l'invisibilità ha una durata limitata e più volte gli capita di tornare improvvisamente visibile. 

Nel frattempo a scuola sono tutti molto preoccupati e allarmati a causa della scomparsa di due alunni che sono in classe con Michele. Si tratta di Martino, studente molto bravo con la matematica e anche lui vittima di bullismo per la sua enorme corporatura ed i suoi occhiali, e di Brando, alunno molto bravo a tennis e uno dei bulli della scuola insieme ad Ivan.

Un giorno Michele esce di casa con il suo cane Mario per andare a vedere Stella mentre si allena a ginnastica, ma assiste al suo rapimento da parte di un misterioso uomo. Il cane si lancia all'inseguimento del losco individuo, riuscendo a ferirlo al polso. 

Una volta tornato a casa, Michele ascolta una conversazione di sua madre Giovanna e scopre di essere stato adottato. In seguito incontra il padre biologico, Andreij, che gli racconta la sua vera storia: lui e sua madre, insieme ad altre persone, sono rimaste vittime di un disastro nucleare in Russia che ha causato in loro mutazioni e lo sviluppo di superpoteri. Per questo vennero fatti prigionieri dalla Divisione, un gruppo paramilitare russo che voleva creare un esercito formato da persone con superpoteri, i cosiddetti "Speciali", da usare durante la Guerra Fredda. 

I prigionieri riuscirono poi a scappare, ma durante la fuga la madre di Michele rimase uccisa e così suo padre decise di lasciarlo davanti alla porta di Giovanna per proteggerlo e tenerlo al sicuro. Tuttavia, ora un altro Speciale è riuscito a rintracciare Michele. Andreij, prima di andarsene, dona a suo figlio un vero costume da supereroe: si tratta di una tuta nera aderente che ha sul petto un S cirillica che gli permette di controllare il suo potere, così da non dover restare nudo.

Michele viene poi accompagnato a casa dallo psicologo della polizia, ma il ragazzo nota che l'uomo ha il segno di un morso sul polso e capisce che è lui che ha rapito Stella. Riesce a liberarsi dalla presa dell'uomo e scappa. Durante la sua fuga incontra il bullo Ivan, con il quale stringe un'inaspettata alleanza: insieme proveranno a salvare i loro amici. Nel frattempo Stella riesce a scappare con l'aiuto dei suoi compagni di cella, Martino e Brando, e raggiunge la torre della nave dove sono stati imprigionati per poter farsi vedere da Michele. 

Quando il ragazzo arriva nella nave, i suoi amici scoprono il suo potere, e Stella capisce che l'amico immaginario che pensava di avere era proprio Michele. Martino e Brando riescono a fuggire, mentre Stella chiede a Michele di aiutarla a salvare un anziano anche lui prigioniero sulla nave. Ma il vecchio si rivela essere Artiglio, uno Speciale che ha il potere di controllare gli altri. L'uomo si è infatti servito di Stella per poter arrivare al ragazzo.

Il finale

Nella parte finale del film vediamo Artiglio che svela a Michele che a capo della Divisione adesso ci sono gli Speciali. L'uomo chiede al ragazzo chiede di unirsi a loro in Russia, dove potrà rivedere anche sua madre, che non è morta davvero. Il ragazzo però non si fida di lui e scappa insieme a Stella dalla nave, distruggendola.

Michele riesce finalmente a conquistare l'amore di Stella e viene nominato supereroe della città e festeggiato dai suoi compagni. Tuttavia suo padre lo informa che, adesso che il suo segreto è stato svelato, i pericoli per lui saranno ancora maggiori e che per questo dovrà cancellare la memoria di tutte le persone. 

Durante la festa organizzata per celebrare il ritorno dei tre ragazzi rapiti, nessuno si ricorda più che Michele possiede il potere dell'invisibilità. Il ragazzo lascia così la festa e incontra Stella, che gli chiede di poter camminare insieme verso casa.

Nella scena finale della pellicola scopriamo che la madre biologica di Michele è davvero ancora in vita, in quanto durante la sua fuga era solo stata ferita alla spalla. Adesso è lei che comanda la Divisione degli Speciali. Vediamo poi un soldato che le dice che non sono riusciti a catturare Michele ma in Marocco hanno trovato Natasha, la sorella gemella del ragazzo. 

La spiegazione del film

Il regista Gabriele Salvatores ha deciso di cimentarsi per la prima volta con un progetto cinematografico che abbraccia ben due generi: quello fantasy legato al mondo dei supereroi e quello dei classici film per ragazzi, genere che in Italia viene fin troppo spesso snobbato.

Il risultato è una storia che riesce ad affrontare tematiche molto attuali come il bullismo nelle scuole, l'amicizia e tutte le problematiche tipiche dell'adolescenza. Salvatores ha voluto donare al suo giovane protagonista Michele il potere dell'invisibilità: questa non è proprio una scelta casuale, visto che il film è strettamente legato al periodo adolescenziale. 

Michele, il ragazzo invisibileHD01 Distribution

I ragazzi e le ragazze a quest'età infatti si trovano spesso ad avere una scarsa autostima, e riuscire a diventare invisibili permette loro di potersi nascondere dal resto del mondo, ma al tempo stesso li spinge a trovare il coraggio di ribellarsi alle ingiustizie subite. Se nessuno può vederci, infatti, nessuno può giudicarci o prenderci in giro per il nostro aspetto fisico e per i nostri difetti. Questo ci aiuta a trovare dentro di noi la forza per affrontare i bulli e le nostre debolezze. 

Insomma, Gabriele Salvatores ci racconta, giocando con il mondo dei supereroi, il cambiamento e la crescita del giovane e timido adolescente Michele che riesce, grazie alla scoperta del suo superpotere, a prendere finalmente fiducia in sé stesso.

E voi cosa ne pensate? Vi è piaciuta questa pellicola di Gabriele Salvatores?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.