FoxCrime

Geoffrey Rush accusato di molestie

di -

L’attrice australiana Yael Stone, star di Orange is the New Black, ha accusato l’attore Geoffrey Rush di molestie e comportamenti sessuali inappropriati. Rush ha negato con veemenza qualunque responsabilità.

Geoffrey Rush in primo piano Getty Images

34 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nuovo capitolo sullo scandalo delle molestie sessuali: Geoffrey Rush, attore Premio Oscar, è stato accusato dalla collega australiana Yael Stone di aver adottato comportamenti sessuali inadeaguati in più riprese.

Come riporta USA Today, l'attrice di Orange Is the New Black dove (interpreta Lorna) ha parlato durante un'intervista con il notiziario australiano 7.30.
La Stone ha rivelato alcuni episodi sconcertanti.

Le accuse di Yael Stone 

Yael Stone in primo pianoHDGetty Images
Yael Stone accusa il collega Geoffrey Rush

Yael ha svelato che Rush le avrebbe inviato messaggi di testo molto spinti e si sarebbe introdotto nel suo camerino, cercando di spiarla mentre faceva la doccia.

Tutto questo sarebbe accaduto nel corso di uno spettacolo teatrale a Sydney, Diary of a Madman, nel 2010 e nel 2011. Lei aveva 25 anni, Rush 59.

Era molto coinvolto in questo spettacolo, che era a tutti gli effetti 'il suo spettacolo'. E io lo avrei supportato. Ero lì solo per servirlo e penso che forse l'ho preso troppo alla lettera.

Rush, coinvolto da questo atteggiamento, avrebbe iniziato a mandarle messaggi di testo "sessualmente aggressivi".

Ero disposta ad accettare tutto questo, cercavo di prenderlo come uno scherzo.

A un certo punto, però, questi comportamenti hanno cominciato a mettere Yael a disagio. Non si trattava più di uno scherzo, ma di una condotta sessuale inappropriata e ingiustificabile.

Non sapevo come rispondere a qualcuno tanto più grande di me, e con così tanto potere nel mondo dello spettacolo.

Rush sembrava ossessionato da lei, tanto da spiarla mentre faceva la doccia o entrare nudo in uno spogliatoio che gli uomini condividevano con le donne.

Alzai gli occhi e vidi un piccolo specchio da barba che teneva nella parte superiore del box, per essere usato in modo da spiare il mio corpo senza vestiti [mentre facevo la doccia]. 

Yael Stone ha dichiarato anche di non essersi mai lamentata della cosa, né con Rush né con altri. Il problema era il conflitto tra una carriera in ascesa e la dignità, l'istinto naturale di "ripararsi" da quegli assalti.

Calpestavo ogni tentativo di autoproteggermi, non sapevo come fare, non volevo offenderlo. Era in cima alla mia lista di priorità: 'Non offendere Geoffrey perché influenzerà la tua prossima esibizione e influenzerà la tua carriera'.

Perché parlare solo ora?

Per il #MeToo, per Time's Up, perché il vento sta cambiando e Yael Stone vuole essere una di quelle donne che hanno smesso di avere paura di parlare.

Ora, penso che sia un passo davvero importante per alzarsi e dire di no.

Yael Stone in una scena di Orange Is the New BlackHDNetflix
Yael Stone in Orange Is the New Black

La Stone spera che il mondo dello spettacolo possa cambiare, che ci sia un futuro in cui gli artisti emergenti siano tutelati e possano dire di no. O possano comunque dire quello che è successo senza temere un calo del lavoro.

Ogni volta che le donne parlano di problemi come questo, la loro carriera ne risente. Ho fatto i miei calcoli e ho deciso che se ciò accade ne varrà la pena.

La risposta di Geoffrey Rush

Geoffrey Rush in primo pianoHDGetty Images
Geoffrey Rush nega tutte le accuse

Tramite un portavoce, Rush ha negato ogni accusa.

Ma non è la prima volta che il Premio Oscar si trova a difendersi da chi sostiene abbia adottato comportamenti molesti. Anche l'attrice Eryn Jean Norvill aveva rivelato un anno fa a Daily Telegraph di Sydney di aver subito attenzioni indesiderate durante lo spettacolo King Lear, per cui aveva diviso il palcoscenico con Rush nel 2015 e 2016.

La Norvill aveva dichiarato che Geoffrey Rush aveva tentato avvicinamenti e contatti durante le prove: l'attore le avrebbe toccato il fondoschiena e il seno.

Rush ha negato tutte le accuse, ma si è dimesso dal ruolo di Presidente dell'Australia's screen industry academy, giustificando il gesto come necessario per prendersi del tempo.

Nel clima attuale di insinuazioni e rapporti ingiustificabili, credo che la decisione di fare una pausa per chiarire tutto sia la migliore per tutti gli interessati.

Come si evolverà questa controversa vicenda?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.