FOX

Game of Thrones 8: uno studio scientifico prevede chi sopravviverà e chi morirà

di -

Uno studio scientifico ha raccolto i dati dalle prime sette stagioni di Game of Thrones per dire con precisione matematica chi potrebbe morire e chi no nei sei episodi finali.

Sansa e Arya Stark in Game of Thrones 7 HBO

162 condivisioni 0 commenti

Condividi

Da quando Sophie Turner (Sansa Stark) ha confermato che in Game of Thrones 8 vedremo più morti che mai – come se ce ne fosse stato bisogno – i fan in attesa della stagione finale dello show HBO sono impazienti di scoprire chi riuscirà ad arrivare vivo fino al termine delle vicende e chi, invece, dovremo salutare per strada.

Il tema ha assunto così rilievo che uno studio scientifico pubblicato da Injury Epidemiology e condotto dalla Macquarie University in Australia ha deciso di dedicargli tutte le sue competenze. Firmata dagli accademici Reidar P. Lystad e Benjamin T. Brown, l'indagine utilizza un metodo scientifico per calcolare chi potrebbe arrivare vivo all'epilogo basandosi sui dati raccolti dalle sette stagioni precedenti.

Sean Bean in Game of ThronesHDHBO
Ned Stark (Sean Bean) nella Stagione 1 di Game of Thrones

Le caratteristiche chiave della sopravvivenza in Game of Thrones

Secondo le statistiche raccolte dagli studiosi, al termine della stagione 7 hanno trovato la morte ben 186 personaggi dei 330 presi in analisi. Questo ha consentito di stilare l'elenco delle caratteristiche comuni che sarebbe meglio possedere per riuscire a sopravvivere.

Emerge che si hanno minori possibilità di morire, innanzitutto, essendo donne e non uomini. I signori vanno incontro a un destino infausto più spesso delle signore, per lo studio, così come sarebbe meglio appartenere ai ceti sociali alti anziché a quelli più umili – colpiti più spesso da morti tragiche.

Jason Momoa ed Emilia Clarke in Game of ThronesHDHBO
Khal Drogo e Daenerys Targaryen

I dati ci dicono che è morto il 71,8% dei personaggi maschili, mentre "solo" il 28,2% di quelli femminili. In merito al ceto sociale, il 68,5% dei morti veniva dalle classi meno abbienti.

Altra caratteristica chiave evidenziata dallo studio nei personaggi sopravvissuti fino a ora è la capacità di adattarsi e cambiare schieramento. Chi rimane fedele alla sua idea dall'inizio alla fine, insomma, ha ottime possibilità di non vivere a lungo – sentito, Daenerys? Chi, invece, è riuscito ad adattarsi, come ad esempio Sansa, ha respinto la morte e ha buone chance di continuare a farlo.

Sophie Turner e Aidan Gillen in Game of ThronesHDHBO
Sansa Stark è uno dei personaggi che ha imparato meglio ad adattarsi agli eventi intorno a lei per sopravvivere

Tuttavia, è anche vero che i personaggi che compaiono per meno tempo sullo schermo hanno meno possibilità di morire di quelli mostrati più a lungo. Secondo lo studio, nelle prime sette stagioni dello show è stato già ucciso il 56% dei personaggi principali – con le possibilità di morire entro la prima ora dal debutto sullo schermo che si attestano solo sul 14%.

Nomi e cognomi

Stando a quanto emerso dall'indagine e, come dichiarato da Lystad a Inverse, possiamo provare a supporre alcuni dei nomi che hanno più possibilità di sopravvivere. Viste le loro capacità di adattamento, lo studioso cita prima di tutto Sansa e Arya Stark, oltre a Cersei Lannister:

Ci sono alcuni personaggi in possesso delle caratteristiche che abbiamo identificato come quelle che favoriscono una più probabile sopravvivenza. Tra questi troviamo, ad esempio, Arya e Sansa, oltre a Cersei (anche se sono sicuro che alcuni fan avrebbero da ridire sul fatto che abbia mai avuto un'alleanza con la casa Baratheon, perfino quando era sposata con Robert).

Lena Headey in Game of Thrones nei panni di Cersei LannisterHDHBO
Anche Cersei Lannister è uno dei personaggi che, secondo lo studio, hanno più possibilità di sopravvivere

Lasciando da parte i personaggi femminili – che, come detto, per lo studio dovrebbero avere una sorte migliore degli uomini – Lystad ha aggiunto che per lo stesso concetto di adattamento anche Tyrion Lannister e Jon Snow dovrebbero avere delle possibilità. Il primo ha abbandonato Approdo del Re e la sua stessa dinastia per sposare la causa di Daenerys, il secondo ha lasciato la sua famiglia per i Guardiani della Notte, prima di dire addio anche a questi ultimi per dedicarsi al Nord e affiancare Daenerys.

Fari puntati anche su Jaime Lannister, però, che nella stagione 7 è finalmente riuscito a voltare le spalle a sua sorella.

Peter Dinklage e Nikolaj Coster-Waldau in Game of ThronesHDHBO
I fratelli Tyrion e Jaime Lannister riusciranno a sopravvivere?

La costante della morte in Game of Thrones

Ci sono altri dati interessanti, emersi dallo studio: i numeri rivelano, infatti, che ben il 30% delle morti si verifica all'interno della casa di qualcuno, in un posto che dovrebbe quindi essere invece considerato sicuro.

Da notare anche le cause di morte: nel 74% dei casi si è trattato di ferite, nel 12% di ustioni, nel 9% di altri motivi (tra cui assalti di metalupi e draghi), solo nel 5% di avvelenamenti. Inoltre, il 63% delle morti si è originato in seguito a delle aggressioni, il 25% durante delle battaglie legate a una guerra e solamente il 5% è dovuto a esecuzioni ordinate dalla legge.

Emilia Clarke su un drago in Game of ThronesHDHBO
Quante morti saranno date dai draghi in Game of Thrones 8?

L'algoritmo della morte

Non è la prima volta che si prova a prevedere chi potrebbe non arrivare vivo al finale di Game of Thrones 8: in precedenza, vi avevamo parlato anche di un algoritmo che, mettendo insieme tutti i dati delle precedenti morti nella serie HBO, aveva calcolato le percentuali di morte di tutti i protagonisti ancora in vita.

Effettivamente, i numeri calcolati dall'algoritmo corrispondono, in alcuni dettagli, alle conclusioni dello studio di Lystad e Brown: due dei personaggi con più chance di arrivare fino alla fine sarebbero le sorelle Arya e Sansa Stark (rispettivamente con il 49,04% e il 50,28% di possibilità di morire).

Kit Harington nei panni di Jon Snow in Game of Thrones 7HDHBO
Jon Snow riuscirà a sopravvivere agli eventi di Game of Thrones 8? Secondo lo studio, potrebbe avere più possibilità di Daenerys

Tragici, anche in questo caso, i numeri di Daenerys, che per l'algoritmo avrebbe ben l'83,77% di possibilità di morire.

Meno severi i numeri di Jon Snow, che a differenza della Madre dei Draghi ha cambiato spesso alleanza per raggiungere il fine ultimo – la lotta contro il Re della notte: secondo i calcoli, il giovane e determinato condottiero ha "solo" il 58,99% di possibilità di morire.

La stagione finale di Game of Thrones esordirà a partire dal prossimo mese di aprile e promette una sanguinosa battaglia. Di recente abbiamo appreso quale episodio dovrebbe esserle dedicato, mentre HBO ha già confermato che dopo l'epilogo sarà effettivamente proposta la reunion degli storici membri del cast, ma solo all'interno del cofanetto che vi consentirà di portare a casa tutte le otto stagioni.

Quanto siete impazienti di scoprire il destino di Westeros e dei suoi protagonisti?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.