FoxCrime  

Criminal Minds, vi portiamo al party per l'episodio 300 della serie

di -

Il segreto di Criminal Minds? La formula creata nel 2005 da Jeff Davis, capace di resistere ai cambiamenti nel cast, al tempo e a un'aggressiva concorrenza televisiva. Siamo andati al party per festeggiare l'episodio 300 di una delle serie più amate

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

Mindhunter, cacciatore di menti tradotto letteralmente, è uno dei libri di John Douglas, il maggiore esperto mondiale sull’argomento serial killer, nonché l’uomo che ha trascorso oltre quindici anni a capo dell’Unità di Scienza Comportamentale dell’FBI di Quantico. Unità che ha contribuito a creare grazie ai suoi studi e alle sue teorie innovative.

Ed è proprio da qui che nasce Criminal Minds, dal grande successo del filone dedicato proprio ai serial killer, dominatori assoluti (vedi Il Silenzio degli Innocenti) nell’ultimo decennio del secolo scorso sia al cinema che in TV.

La serie, creata nel 2005 dall’allora esordiente poco meno che trentenne Jeff Davis, ci racconta dei casi seguiti dalla squadra di Profiler dell’FBI in tutti gli Stati Uniti, ma viene girata fra la California e il Canada: la regione della British Columbia offre un paesaggio così variegato da riprodurre diverse località e i costi di produzione, come sappiamo ormai da anni, sono inferiori rispetto a quelli necessari per girare negli Stati Uniti.

Nel corso delle varie stagioni di Criminal Minds ci sono stati importanti avvicendamenti nel cast, ma la serie è riuscita comunque a mantenere alto l’interesse del pubblico: una cosa non da tutti.

Il libro Mindhunter di John DouglasLonganesi
Il libro Mindhunter di John Douglas

L’uscita dal cast di Mandy Patinkin, che interpretava l’amatissimo agente Jason Gideon, la sostituzione del personaggio interpretato da Lola Glaudini (l’agente Elle Greenaway) con quello portato sullo schermo da Paget Brewster (l’agente Emily Prentiss) e, infine, i noti problemi che hanno coinvolto Thomas Gibson, causando l’allontanamento del suo personaggio, il caposquadra Aaron Hotchner, sono risultati colpi ben assorbiti dagli ascolti.

Mentre la serie festeggia l’episodio numero 300, un traguardo invidiabile e irraggiungibile per molte altre serie TV, FoxCrime ad agosto le dedicherà un canale per rivedere tutte le stagioni.

Al party per l’episodio, i protagonisti hanno scherzato con il nostro inviato - Joe Mantegna ha ricordato le sue origini italiane - e hanno ricordato il tempo trascorso sul set, quanto hanno imparato dai loro personaggi, ma anche quanto oscuro e spaventoso possa essere il mondo.

Le ragioni del grande successo di Criminal Minds sono tante: cast, regia, sceneggiatura, ritmo, cura per i dettagli… Ma soprattutto la formula autoconclusiva, basata sul genere serial thriller, insieme a una trama che si sviluppa orizzontalmente, coinvolgendo le vite personali dei protagonisti.

Ogni nuovo episodio ci immerge in un’atmosfera carica di tensione, che ci trascina dritti dritti nella mente di un assassino mentre ci viene mostrata la determinazione con la quale i profiler svolgono il loro difficile compito.

I protagonisti di Criminal MindsHDTouchstone Television
I protagonisti di Criminal Minds

I casi di cronaca e la storia americana sono fonte di grande ispirazione per gli sceneggiatori.

Nella sigla iniziale della serie, composta da Steffan e Mark Fantini, le immagini del cast e degli episodi si alternano a quelle di serial killer realmente esistiti.

Fra i volti che si possono riconoscere ci sono anche Charles Manson (il famigerato leader di una setta chiamata “la famiglia”, responsabile del massacro di Sharon Tate, incinta di otto mesi, nel 1969); Richard Ramirez (noto come The Night Stalker e condannato a morte nel 1989 per l’omicidio di tredici persone, il tentato omicidio di altre cinque e una dozzina di aggressioni a sfondo sessuale) e John Wayne Gacy (giustiziato nel 1994 e famoso come il killer Clown, per via della sua mania di dipingere volti di clown e dello stratagemma di travestirsi egli stesso da pagliaccio per avvicinare i bambini che catturava e uccideva).

I veri mostri si mescolano a quelli partoriti dalla fantasia degli autori, in un crescendo di tensione arricchita da numerose e prestigiose guest star (da Aaron Paul a James Van Der Beek, da Wil Wheaton a Gina Torres, da Forest Whitaker a Robert Englund, Mark Hamill e Jane Lynch).

In attesa di rivedere tutti gli episodi su FoxCrime (restate sintonizzati per gli aggiornamenti), non possiamo che unirci ai festeggiamenti per il 300esimo episodio.

Altri 1000 di questi giorni da FoxCrime, profiler di Quantico!

Credits video: Matteo Ghidoni, Kikapress.com

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.