FOX

I Girasoli di Van Gogh stanno diventando verde oliva

di -

Uno dei capolavori dell’artista olandese più apprezzati di sempre è a rischio: il museo di Amsterdam dedicato a Vincent Van Gogh ha annunciato che il giallo dominante dei Girasoli dipinti nel 1889 sta virando al verde oliva.

Dettagli del dipinto di Vincent Van Gogh Girasoli esposto al Van Gogh Museum di Amsterdam Van Gogh Museum

514 condivisioni 0 commenti

Condividi

Una delle tele di Vincent Van Gogh dedicate ai girasoli si sta scolorendo. Infatti, i petali e gli steli gialli della versione dei Girasoli dipinto dall’artista olandese nel gennaio 1889, e attualmente esposto al Van Gogh Museum, di Amsterdam sono microscopicamente avvizziti.

Nel dettaglio, uno dei due pigmenti giallo-cromo che ha usato Van Gogh è sensibile alla luce e tende a virare da un giallo molto pallido a un color verde quasi oliva o ocra.

L’allarme è stato lanciato dai ricercatori dell'Università di Anversa in Belgio e della Technical University di Delft nei Paesi Bassi, dopo aver esaminato i pigmenti del famoso dipinto di Van Gogh utilizzando un nuovo processo di mappatura chimica chiamato Macroscopic X‐ray Powder Diffraction, che consente di individuare i materiali all'interno dei pigmenti di un dipinto senza mai toccarlo fisicamente. 

“Questo effetto non può ancora essere visto ad occhio nudo”, ha affermato Frederik Vanmeert, ricercatore e dottorando nel dipartimento di chimica dell'Università di Anversa:

Ma non è un fenomeno da sottovalutare, visto che nel tempo potrebbe diventare sempre più visibile.

Un funzionario del Van Gogh Museum di Amsterdam è intento a posizionare la tela Girasoli su una delle pareti del museoHDLex Van Lieshout / Agence France-Presse - Getty Images

I Girasoli di Van Gogh

I Girasoli sono una serie di dipinti ad olio su tela realizzati da Vincent Van Gogh tra il 1888 e il 1889.

Secondo i ricercatori, che hanno analizzato dal 2016 al 2018 la tela esposta al Van Gogh Museum, il pittore olandese ha utilizzato due diverse miscele di giallo, una delle quali è risultata di qualità evidentemente peggiore o instabile alla luce.

Dai dettagli emersi da Lettere a Theo (Brieven aan zijn broeder), una raccolta epistolare che raccoglie la corrispondenza tra Vincent van Gogh e suo fratello Theodorus, l'artista acquistava spesso pigmenti di scarsa qualità a causa della sua eterna insicurezza economica.

“Non devo precisare che se mi comprerai i colori le mie spese si ridurranno del 50% - scriveva Van Gogh in una delle lettere indirizzate al fratello - Finora ho speso più in quello che mi serve per dipingere, tele e pigmenti, che per me stesso”.

È ora in corso un'indagine comparativa con i Girasoli esposti alla National Gallery di Londra e che solo una volta ottenuti i risultati sarà facile capire quali parti della tela bisognerà monitorare attentamente.

Non ci resta che attendere, quindi, per scoprire se uno dei dipinti più amati da Van Gogh verrà salvato dal "nemico" chiamato tempo.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.