FoxCrime

Il mostro di Firenze e il serial killer Zodiac sono la stessa persona?

di -

Zodiac e il mostro di Firenze: due Paesi lontani, due serial killer mai davvero identificati, nonostante le condanne italiane. E adesso un giornalista ci svela una clamorosa confessione...

L'identikit di Zodiac: lui e il mostro di Firenze sono la stessa persona? UsaToday

1k condivisioni 1 commento

Condividi

Uno è fra i serial killer mai identificati più ricercati della storia moderna. L'altro è il nostro incubo nazionale, mai finito, nemmeno dopo la condanna di Pietro Pacciani.

Il serial killer Zodiac, che terrorizzò la California alla fine degli anni '60, uccideva con armi da fuoco e coltelli, e colpiva principalmente coppie appartate. Proprio come il serial killer italiano più feroce e misterioso di sempre.

Fu lo stesso Zodiac, celebre per le lettere anonime che inviava ai giornali, a darsi il soprannome. E, sebbene sia stato ufficialmente identificato come l'autore di 5 omicidi (su 7 aggressioni: due delle vittime fortunatamente sopravvissero, ma non ebbero modo di portare alla sua cattura), secondo alcuni investigatori della polizia avrebbe ucciso almeno 40 persone.

Mai catturato, continuò a inviare i suoi messaggi ai media fino al 1974.

E oggi, un ex militare americano di stanza in Italia avrebbe confessato di essere Zodiac. E anche il mostro di Firenze.

Il mostro, i compagni di merende e Ulisse

Pietro Pacciani al processoHDRai News
Pietro Pacciani al processo per il mostro di Firenze

Il mostro di Firenze: così è stato ribattezzato dalla stampa l'autore degli otto duplici omicidi - avvenuti tra il 1968 e il 1985 - nelle campagne fiorentine.

Una scia di sangue che sconvolse l’opinione pubblica e mobilitò una quantità di investigatori mai vista prima, arrivando a chiedere la consulenza dell'FBI e di altre agenzie straniere.

Gli indizi portano la polizia sulle tracce di un contadino, Pietro Pacciani, protagonista di uno dei più lunghi e controversi processi della storia giudiziaria italiana.

Fino al 1998, anno della morte dello stesso Pacciani, che si era sempre dichiarato innocente.

Attivo fra il 1968 e il 1985, il mostro porta alle condanne di Pacciani (poi assolto, con l'assoluzione in seguito annullata) e dei tristemente noti compagni di merende: Mario Vanni (condannato all'ergastolo e poi rilasciato per motivi di salute prima della sua morte, nel 2009), Giancarlo Lotti (che testimoniò contro gli altri e fu condannato a 30 anni, per poi morire nel 2002) e Fernando Pucci (testimone oculare, morto lo scorso anno).

Nel corso delle indagini, e in particolare dalle testimonianze degli uomini coinvolti, emerge insistentemente la misteriosa figura di Ulisse, uomo la cui identità è sconosciuta e che viene indicato come il possessore delle armi dei delitti (mai ricondotte agli imputati) e come l'esecutore materiale dei delitti.

Ma le ricostruzioni sono confuse e le ipotesi degli inquirenti non riescono a colmare i vuoti.

Ulisse è Zodiac. Ma è anche il mostro?

Una delle lettere di ZodiacWashington Post
Una delle lettere di Zodiac ai giornali

Ed è a questo punto che arriva la sconvolgente rivelazione: intervistato da un giornalista, che continua a mantenere segreta la sua identità, incalzato proprio dal giornalista - che gli si propone come biografo in conseguenza dei suoi sospetti sul fatto che Ulisse possa essere proprio Zodiac - l'uomo in qualche modo arriva a confermare la teoria del giornalista.

Lo fa con affermazioni ambigue nel corso di molti incontri avvenuti nel 2017.

E quando il giornalista gli mostra alcune pagine del libro di Robert Graysmith su Zodiac, ottenendo informazioni che confermerebbero inequivocabilmente i suoi sospetti, arriva la svolta.

Zodiac di Robert GraysmithBerkley Pub Group
Zodiac: il libro di Robert Graysmith

Sempre attraverso le pagine di un libro (Delitto degli Scopeti di Vieri Adriani, Francesco Cappelletti e Salvatore Maugeri), il giornalista scopre che Ulisse frequentava gli stessi locali in cui andavano abitualmente due vittime del mostro, Nadine Mauriot e Jean-Michel Kraveichvili.

Arriva il colpo di scena: il giornalista è ormai certo che Ulisse, l'uomo che ha di fronte, sia Zodiac. Ma anche che Zodiac e il mostro di Firenze siano la stessa persona.

L'uomo parla bene italiano, come l'Ulisse emerso durante i processi per il mostro. Date e luoghi coincidono, sia per i delitti in California che per quelli in Italia.

E Ulisse minaccia - non troppo velatamente - il giornalista, quando gli sembra che stia esagerando.

Quando l'uomo suggerisce a Ulisse di costituirsi, sia per i delitti di Zodiac che per quelli del mostro, Ulisse tira in ballo altre persone, di cui non fa i nomi.

L'ipotesi, largamente accreditata, degli studiosi dei delitti del mostro che fossero coinvolte parecchie persone - come del resto dimostrarono i processi - viene confermata anche da lui.

A questo punto, siamo di fronte all'ultimo incontro fra il giornalista e Ulisse, che sembra intenzionato davvero a costituirsi.

Ma non se ne hanno più notizie dal 13 settembre scorso, data di quell'ultimo incontro. 

La soluzione di due grandi misteri

Il libro Delitto degli Scopeti - Giustizia mancataAgave Ibiskos Ulivieri
Delitto degli Scopeti - Giustizia mancata. Il libro di Adriani, Cappelletti e Maugeri

Se le teorie del giornalista e le parole di Ulisse dovessero essere confermate, non arriveremmo solo all'identificazione di due fra i serial killer più ricercati di tutti i tempi.

Arriveremmo, probabilmente, anche a comprendere la vastità del caso del mostro, il numero di persone coinvolte e l'eventuale collegamento fra Italia e Stati Uniti relativo ai delitti, data la nazionalità americana del colpevole.

La rivelazione del giornalista, il cui nome rimane ovviamente anonimo per ragioni di sicurezza, verrebbe confermata da alcuni documenti - fra cui una rivista che riporterebbe la soluzione agli indovinelli che Zodiac lanciava ai media e che, una volta risolti, conterrebbero il nome e il cognome dell'assassino (coincidenti con quelli di Ulisse).

La portata delle indagini e il numero di persone coinvolte è cresciuta ancora.

Forse non arriveremo mai a conoscere tutta la verità, ma sicuramente se l'ammissione di Ulisse e le scoperte del giornalista venissero ufficialmente confermate, avremmo almeno la soluzione al nome dietro a due grandi misteri.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.