FoxCrime

Harvey Weinstein si è consegnato oggi alla polizia di New York [UPDATE]

di -

Harvey Weinstein è ormai alla resa dei conti e Hollywood festeggia: tanti i commenti di gioia alla notizia secondo cui il produttore si consegnerà alle autorità.

Harvey Weinstein Getty Images

65 condivisioni 0 commenti

Condividi

Come annunciato, Harvey Weinstein si è effettivamente costituito presso il First Precinct di Tribeca della polizia di New York, dove è stato arrestato per rispondere alle multiple accuse di violenza sessuale che lo coinvolgono.

L'ex produttore potrebbe passare diversi anni dietro le sbarre e dalle fonti sembra che verrà interessato da accuse di stupro di primo e terzo grado e da crimini a sfondo sessuale di primo grado.
Ecco il video dell'arrivo di Weinstein al commissariato:

L'ex-boss di Miramax è stato "accolto" da una folla di curiosi e di giornalisti, debitamente tenuti a distanza da apposite transenne mentre Weinstein veniva scortato all'interno.

Articolo originale

Il caso di Harvey Weinstein è a un punto di svolta. Il produttore si consegnerà alle autorità dello Stato di New York. Oggi, 25 maggio 2018, andrà di persona presso la sede della Corte Suprema di Manhattan. La decisione del produttore è la conseguenza di un periodo di attività legale molto più inteso, tra mandati di comparizione, indagini del grand jury e implicazioni federali per i suoi crimini sessuali.

L’ufficio di Manhattan ha inviato dei mandati di comparizione per ascoltare le persone coinvolte e sta analizzando i registri della casa di produzione The Weinstein Company.

Weinstein dovrà difendersi dalla denuncia di Lucia Evans, che lo accusa di averla costretta a un rapporto orale nel 2004 negli studi della Miramax a Tribeca (New York). La Evans si è aggiunta alle lista delle 100 donne venute allo scoperto dopo i primi articoli del New York Times pubblicati nell’ottobre del 2017.

Il reato denunciato da Lucia Evans è classificato come crimine di classe B nello Stato di New York. Questo significa che il produttore rischia 25 anni di carcere. Non è comunque l’unica accusa di cui dovrà rispondere in tribunale. L’ufficio del procuratore distrettuale della Contea di Los Angeles sta investigando su 5 casi e persino Scotland Yard a Londra lo ha messo sotto inchiesta.

Le reazioni di Hollywood non si sono fatte attendere. Rose McGowan, vittima di Weinstein, ha dichiarato che la questione è finalmente a un passo dalla giustizia.

Ava DuVernay ha postato un commento su Twitter sottolineando come il Karma non perda mai un indirizzo. Ava era alla marcia in favore delle vittime che si è tenuta a Cannes e ha sfilato accanto alle colleghe Cate Blanchett, Kristen Stewart, Marion Cotillard, Léa Seydoux e Salma Hayek.

Non poteva mancare anche il commento di Asia Argento, che ha postato un significativo Boom sul suo profilo Twitter.

I commenti ormai non si fermano più e Hollywood continua a alzare la voce contro il produttore, come potete vedere dai post qui sotto. 

Non ci resta che attendere l'epilogo.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.