FoxCrime

Ancora guai per Johnny Depp: denunciato dalle ex guardie del corpo

di -

Johnny Depp dovrà recarsi di nuovo in tribunale e questa volta non per Amber Heard. L'attore è stato denunciato da due bodyguard per mancati pagamenti e non solo.

Johnny Depp

595 condivisioni 0 commenti

Condividi

I guai continuano a perseguitare senza sosta Johnny Depp, che ormai è diventato un frequentatore abituale di aule di tribunali e studi di avvocati. Questa volta l’attore ha subito una denuncia da parte delle ex guardie del corpo Eugene Arreola e Miguel Sanchez. I due hanno lavorato nella squadra della sicurezza di Depp e lo accusano di mancato pagamento degli stipendi e di condotta scorretta.

Definire un periodaccio gli ultimi due anni di Depp è davvero poco. I guai sono cominciati con il divorzio da Amber Heard e sono proseguiti con le denunce alla sua ex agenzia The Management Group, accusata di una frode ai suoi danni che ammonterebbe a 25 milioni di dollari. Ora, i problemi bussano di nuovo alla sua porta a causa della denuncia dei suoi ex bodyguard.

Johny Depp: arrivo in tribunale durante la causa di divorzio da Amber Heard

La denuncia a carico di Johnny Depp

Eugene Arreola e Miguel Sanchez accusano l’attore di non aver rispettato i termini del contratto, trattandoli come una sorta di impiegati tutto fare. I due lamentano di essere stati costretti a fare da autisti scarrozzando l’attore, la sua famiglia e il tuo entourage in giro. Non solo, la denuncia riporta persino di un ruolo quasi da baby sitter. In particolare, Sanchez ha dichiarato di essersi piegato a esaudire qualsiasi richiesta dei figli per timore di perdere il lavoro.

I due hanno fatto parte della squadra di sicurezza dell’attore fino al 2016 come dipendenti della The Management Group. Dopo i problemi con l’agenzia, Depp li ha assunti direttamente. Eugene e Miguel hanno sottolineato di essere consapevoli all’epoca del periodo particolare che stava vivendo l’attore, vittima di notevoli difficoltà economiche cominciate proprio nel 2016. Sembra infatti che il divo sia stato costretto a ridimensionare il suo stile di vita e a licenziare una serie di dipendenti. Eugene Arreola e Miguel Sanchez non sono stati licenziati e hanno deciso di rimanere per affetto nei confronti della famiglia e dell’attore, contro cui hanno dichiarato di non nutrire nessun sentimento negativo.

Johnny Depp al Glastonbury Festival del 2017

Purtroppo, l’assunzione diretta ha comportato una serie di problemi con i pagamenti e non solo. La denuncia sottolinea:

I querelanti si sono ritrovati in situazioni che richiedevano molto di più di quello che ci si aspetta da una guardia del corpo…Spesso i querelanti sono stati costretti a proteggere [Depp] da sé stesso e dai suoi vizi mentre era in pubblico, diventando di fatto dei suoi custodi. In una discoteca locale sono stati coinvolti in un incidente e hanno dovuto avvertire Depp delle tracce di sostanze illegali presenti sul suo viso e sulla sua persona, in modo da impedire al pubblico di notare le sue condizioni…

Secondo le dichiarazioni di Eugene Arreola e Miguel Sanchez, l’abbandono dell’impiego è stato determinato anche dalla mancanza di sicurezza dell’ambiente di lavoro. Per dimostrare la loro tesi, le due guardie hanno raccontato l’episodio del ferimento del capo della sicurezza Leonard Damian. Sembra che l’uomo si sia sparato accidentalmente a una gamba proprio mentre era in servizio.

Come ha commentato Depp la denuncia? Al momento l’attore non ha rilasciato dichiarazioni, ma la vicenda promette di diventare spinosa e di movimentare ancora di più la vita del bel Johnny.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.