FOX

Il Google Doodle dedicato a Johann Carl Friedrich Gauss

di -

Oggi 30 aprile 2018 Google ha deciso di omaggiare, con il suo doodle, Johann Carl Friedrich Gauss, conosciuto anche come il Principe dei matematici.

Il Google Doodle di oggi 30 aprile

10 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il Google Doodle di oggi 30 aprile 2018 celebra il matematico tedesco Johann Carl Friedrich Gauss a 241 anni dalla sua nascita.

Ma chi è Johann Carl Friedrich Gauss? 

Nato il 30 aprile 1777 a Brunswick, in Germania, da genitori poveri della classe operaia (la madre era analfabeta), Gauss è stato uno dei più grandi matematici del mondo. La lodevole opera di Gauss (Gauß in tedesco), che ha contribuito all'innovazione di innumerevoli campi quali la matematica, l'algebra, la teoria dei numeri, la meccanica e la statistica, è uno dei motivi il quale si è guadagnato nel tempo l'appellativo di "Principe dei matematici".

Il Google Doodle di oggi 30 aprile 2018

Vero e proprio enfant prodige, la leggenda racconta che Gauß avesse corretto suo padre a soli 3 anni per un errore di calcolo relativamente allo stato delle sue finanze. Si narra anche che sia stato in grado di sommare tutti i numeri da 1 a 100 all'età di soli 8 anni, anche se questa storia rimane ad oggi incerta relativamente al metodo utilizzato per il calcolo. Gauss ha compiuto i suoi primi studi matematici innovativi sin da adolescente e ha completato le Disquisitiones Arithmeticae, considerato il suo più grande lavoro, quando aveva soltanto 21 anni.

Disquisitiones Arithmeticae è un libro di testo di teoria dei numeri scritto in latino che ha riunito le più grandi teorie numeriche avanzate formulate da altri matematici e che, ad oggi, costituisce la base dell'algebra moderna.

Uno dei più grandi successi del matematico arrivò nel 1786 dopo aver scoperto un eptadecagono, ovvero un poligono a 17 facce, che poteva essere realizzato con un compasso e un righello. Dopo aver realizzato una tale scoperta, Gauss, sull'onda dell'entusiasmo, chiese che sulla sua lapide, al momento della sua morte, fosse inciso un eptadecagono regolare. Lo scalpellino responsabile di realizzare la lapide rifiutò, sostenendo che una tale costruzione sarebbe stata troppo difficile da fare e che le qualità uniche dell'eptadecagono non sarebbero state rappresentate, poiché la figura sarebbe stata confusa con un cerchio.

Express

Nel corso della sua carriera, Gauss lavorò con il professore di fisica Wilhelm Weber nel 1831, con la collaborazione che portò a nuove scoperte nel campo del magnetismo e delle leggi del circuito di Kirchhoff sull'elettricità. Una delle sue più grandi formulazione è stata il teorema di Gauss sul flusso del campo elettrico attraverso una qualsiasi superficie chiusa. Ha, inoltre, predetto il movimento del pianeta nano Cerere, ha intrapreso un'indagine sul territorio del Regno di Hannover, ha sviluppato i fondamenti dell'algebra e a 15 anni è stata il la prima persona a individuare un modello nella sequenza dei numeri primi.

Nel 1807 fu nominato professore di astronomia e direttore dell'Osservatorio astronomico di Gottinga e nel 1921 membro straniero dell'Accademia delle scienze svedese. Nel corso della sua vita si è sposato due volte, prima con Johanna Osthoff, che morì nel 1809, e successivamente con Friederica Wilhelmine Waldeck.

Ha avuto sei figli a cui ha impedito di studiare i campi della matematica o della scienza poiché credeva che nessuno di loro sarebbe stato in grado di eguagliare i suoi risultati, nel pensiero che avrebbero potuto disonorare il nome della famiglia. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1855, il suo cervello fu preservato e studiato da Rudolf Wagner che scoprì come esso avesse una massa leggermente superiore alla media e un'area cerebrale più ampia rispetto agli altri esseri umani.

Via: The Sun

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.