FOX

Dunkirk: le musiche candidate agli Oscar 2018 come Miglior colonna sonora

Ansia e tensione si intrecciano nei brani composti da Hans Zimmer per la colonna sonora di Dunkirk, candidata agli Oscar 2018. Ecco tutti i brani e i segreti dell'illusione che li ha ispirati.

Particolare del poster ufficiale di Dunkirk, con un soldato sulla spiaggia

48 condivisioni 0 commenti

Share

Non c'è modo di battere il rumore delle bombe o quello delle implacabili onde del mare, in un film come Dunkirk. Ma esiste il modo di commentarli in un crescendo di tensione che ci accompagna per tutta la durata del nuovo, intenso film di Christophern Nolan.

Dopo la trilogia del Cavaliere Oscuro, Interstellar e Inception, il regista è tornato a collaborare con Hans Zimmer. Il compositore ha aiutato Nolan a dare forma anche a questa suona nuova visione, creando undici brani strumentali a partire dalla registrazione di un intenso e snervante ticchettio prodotto dall'orologio da tasca del filmmaker.

Il risultato sono musiche intense e cariche di energia cupa, capaci di amalgamarsi perfettamente ai tempi narrativi del film e più che meritevoli della nomination ricevuta agli Oscar 2018 come Miglior colonna sonora.

La cover della colonna sonora di Dunkirk

La tracklist di Dunkirk

  1. The Mole
  2. We Need Our Army Back
  3. Shivering Soldier
  4. Supermarine
  5. The Tide
  6. Regimental Brothers
  7. Impulse
  8. Home
  9. The Oil
  10. Variation 15 – Benjamin Wallfisch & Sir Edward Elgar (Adagio Nimrod)
  11. End Titles – Benjamin Wallfisch, Sir Edward Elgar, Lorne Balfe & Hans Zimmer

Ascolta le musiche di Dunkirk composte da Hans Zimmer

La scala Shepard e tutte le curiosità sulla colonna sonora

Una grande illusione: è questo il segreto della colonna sonora di Dunkirk.

Il ticchettio dell'orologio proposto da Christopher Nolan è stato solo il punto di partenza per iniziare a comporre le musiche del film. Il suo suono è quello che fa da base a tutti i brani: lo sentiamo per la prima volta all'inizio della pellicola, e continuiamo a percepirlo in quasi tutte le scene, sebbene in versioni sintetizzate e modificate in vari modi, per meglio adattarsi alla narrazione corrente. Ma, al fine di realizzare al meglio la visione di Nolan, serviva ricorrere a un altro espediente.

Quell'espediente è la scala Shepard, a cui il regista era già ricorso per il film The Prestige, in collaborazione col compositore David Julyan. Si tratta di una vera e propria illusione uditiva, usata per trasmettere al pubblico l'idea di una tensione che non allenta mai la presa ma che, anzi, continua a crescere all'infinito. Questo "effetto cavatappi", come sottolineato dal video The sound illusion that makes Dunkirk so intense realizzato da Vox, è analogo all'illusione dei vecchi pali del barbiere dove, ruotando, le linee azzurre, rosse e bianche sembrano non trovare mai fine.

Allo stesso modo, nella scala Shepard si sovrappongono tre scale, che vengono suonate in contemporanea su ottave diverse. Semplificando, una si mantiene stabile nel tempo, una si affievolisce e l'ultima cresce d'intensità. L'ansia che ne risulta è palpabile e tiene gli spettatori letteralmente incollati alla sedia, convinti che quel crescendo andrà avanti all'infinito.

L'illusione è ancora più spettacolare se pensiamo che, in Dunkirk, Nolan ha scelto di seguire tre storie parallele, ambientate in altrettanti luoghi: la spiaggia, il cielo e il mare. Se da una parte la tensione si allenta, dall'altra cresce, sfruttando il principio matematico che governa la scala Shepard anche a livello narrativo:

Ho scritto il copione di Dunkirk secondo [la scala Shepard]. Ho intrecciato le tre linee temporali in modo che ci fosse un conflitto d'intensità. Intensità crescente. Perciò c'è una fusione di musica ed effetti sonori ed immagini che non eravamo mai riusciti ad ottenere prima.

Tocco finale a Dunkirk è stato l'inserimento degli effetti sonori, amalgamati da Nolan con l'aiuto di un altro collaboratore di vecchia data, il montatore Lee Smith. Alla colonna sonora hanno inoltre lavorato l'arrangiatore Benjamin Wallfisch (tracce 8, 10 e 11), Lorne Balfe (tracce 6 e 11) e il montatore delle musiche Alex Gibson.

Le tracce 1, 5, 6, 8, 10 e 11 includono inoltre dei temi musicali composti da Sir Edward Elgar nel 1898 (in particolare le Variazioni su un tema originale, op. 36) riarrangiati appositamente per il film. Poco qui sopra potete ascoltare la traccia Nimrod, sui cui è basata la Variation 15 di Dunkirk.

Distribuito da Sony Music, l'album Dunkirk: Original Motion Picture Soundtrack è disponibile in CD, vinile e nei formati digitali, anche in streaming.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.