FoxCrime  

ll mio Gianni Versace: il ricordo di Ornella Vanoni

di -

Un'amicizia profonda, quella tra Ornella Vanoni e Gianni Versace. In questa intervista video per FoxCrime, l'artista ci racconta il loro primo incontro e gli anni passati insieme

1k condivisioni 1 commento

Condividi

Fu la sua prima “vittima del metallo”, fasciata negli spettacolari abiti scultura in maglia metallica ideati da Gianni Versace. Ornella Vanoni ha attraversato gli anni ’80 come una Dea proveniente da un’epoca lontana, la voce ammaliante come il canto di una Sirena.
L'ultima tappa del nostro viaggio nel ricordo di Gianni Versace in occasione dell'arrivo di American Crime Story, non poteva che portarci ad incontrare Ornella, Testimonial della Maison per molti anni e, soprattutto, intima amica di Gianni.
Toh, Vanoni in Versace!
Questa celebre frase, pronunciata una volta con tono ironico da Giorgio Armani, è emblematica dello stretto legame che Gianni ha sempre instaurato con gli artisti più eclettici del panorama musicale italiano e internazionale, tra cui Patty Pravo, Madonna e Ornella Vanoni. 
In un’interprete camaleontica ed intensa come Ornella Vanoni, Gianni trova il perfetto connubio tra Teatro e Moda, mettendo in scena performance artistiche altamente spettacolari, dove i costumi sono parte integrante della messa in scena. Complice naturalmente una bellezza senza tempo.
Alla fine degli anni '80 va in scena al Teatro Nazionale di Milano il Tour O, uno Show che è al tempo stesso una celebrazione delle eccellenze italiane: il repertorio della Vanoni, costruito nel corso di tre decenni, le scenografie disegnate dall'artista Arnaldo Pomodoro, i costumi di Gianni Versace. Ispirandosi alle scene di Pomodoro, Versace realizza un abito che si trasforma in base ai movimenti dello spettacolo. 
Ornella Vanoni era "donna Versace" dal mattino alla sera, nella vita privata come nelle occasioni pubbliche e in ogni sua esibizione in TV o a teatro. Nella clip di seguito, Ornella indossa un abito Versace durante la sua esibizione al Festival di Sanremo del 1989, dove presentò una delle più belle canzoni di sempre: io come farò. 
Ma quello con Ornella era un legame che andava ben oltre la collaborazione artistica. Testimone di nozze al Matrimonio di Donatella Versace con Paul Beck, Ornella era spesso presente nei momenti importanti vissuti dalla famiglia Versace. Avevano molte cose in comune lei e Gianni, dalla passione per i viaggi all'amore per l'Arte. Una bellezza senza tempo, quella di Ornella Vanoni.
Durante la nostra intervista, la voce di Ornella più di una volta si spezza al ricordo di Gianni. Ornella ci ha detto di aver scritto una lettera a Donatella dopo la morte di Gianni. 
Le parole di una sua celebre canzone forse potrebbero fare da colonna sonora ad un legame profondo che durerà in eterno
Cosa ci è capitato? E come avranno riso in platea del nostro amore orgoglioso, del nostro amore indiscreto, arrabbiato, impietoso, sfacciato, del nostro amore troppo affamato che si chinò a baciarci sul cuore...e a noi questo bastò
I giorni dell'assassinio di Gianni Versace verranno narrati nella Serie TV di Ryan Murphy, in onda da venerdì 19 gennaio in esclusiva su FoxCrime.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.