FOX  

Robert Knepper di Prison Break accusato di violenza sessuale da diverse donne

di -

Anche Robert Knepper è finito nello scandalo delle molestie sessuali a Hollywood. L'attore di Prison Break è stato accusato da diverse donne, ma nega tutto.

Robert Knepper a un evento ufficiale

468 condivisioni 92 commenti 5 stelle

Share

Lo scandalo delle violenze sessuali a Hollywood continua. Stavolta, a finire al centro delle accuse è Robert Knepper, protagonista di diverse serie TV di successo e di numerosi film.

Ad accendere i riflettori sull'interprete di Theodore "T-Bag" Bagwell in Prison Break è stata la costumista Susan Bertram. In un'intervista pubblicata l'8 novembre 2017 da The Hollywood Reporter, la donna ha raccontato che l'attore l'ha aggredita durante le riprese del film Nel Deserto di Laramie.

Era il 1991. Susan aveva 31 anni ed era nuova nel settore e la regista Allison Anders l'ha chiamata di punto in bianco per lavorare nella produzione.

Un giorno, è andata nella roulotte di Knepper per lasciargli dei vestiti e lui le è saltato addosso, afferrandola con violenza nelle parti intime e dicendole:

S******* come conigli!

Secondo la sua versione dei fatti, la donna si è divincolata, è corsa fuori, cadendo sulle ginocchia, e si è rifugiata in bagno. A quel punto, ha visto che il cavallo dei collant che indossava era strappato e che stava sanguinando. Susan ha raccontato l'accaduto alla sua assistente dell'epoca, ma entrambe hanno amaramente realizzato che non potevano fare nulla:

All'epoca, non esistevano protezioni di sorta. Ero giovane, era uno dei miei primi lavori nel settore ed ero molto lontana da casa. Anche se avessi detto qualcosa, cosa potevano fare? Licenziare l'attore protagonista?

Knepper ha risposto a stretto giro di posta all'accusa, affermando di essere shockato per la storia raccontata dalla costumista:

Nel corso delle ultime settimane, mia moglie e io abbiamo parlato del dolore che hanno provato le vittime e del coraggio che hanno avuto a farsi avanti e denunciare. Sono sconvolto e devastato per essere stato falsamente accusato di violenza su una donna. Questo non sono io. Ringrazio dal profondo del cuore coloro che oggi mi sono stati vicini con parole di supporto e incoraggiamento.

Le nuove accuse da parte di 4 donne

Ma Susan Bertram non è stata l'unica a puntare il dito contro Robert Knepper. Nelle settimane successive, altre 4 donne hanno contattato The Hollywood Reporter per raccontare la loro drammatica esperienza con l'attore. 

La prima testimonianza è quella dell'assistente di produzione Robin Saex Garbose e risale al 1983. Ecco il suo racconto.

La donna stava lavorando allo spettacolo teatrale June Moon, presso il Manhattan Punch Line, a New York, e Robert Knepper era un giovane attore in attesa di fare un provino.

Robin gli ha assegnato la parte e poi è andata in ufficio per sbrigare delle pratiche. Quando si è voltata, se l'è trovato davanti. E prima che potesse dire o fare alcunché, lui l'ha spinta contro un muro e ha iniziato a baciarla. Fortunatamente, la situazione non è degenerata, ma la donna è rimasta molto scossa:

Era tutto sbagliato, ma chi conosceva il termine 'molestia sessuale'? Non è esistito fino ad Anita Hill [l'avvocatessa che nel 1991 ha denunciato per molestie sul lavoro il futuro giudice della Corte Suprema, Clarence Thomas, n.d.r.].

Alla fine, Knepper non ha avuto la parte. Ma Robin ha ripensato all'accaduto quando ha letto la storia di Susan:

Si vede l'inizio di un predatore. Aveva un che di violento e completamente inadeguato.

Robert Knepper al san Diego Comic-ConHDGetty Images
Robert Knepper ospite al san Diego Comic-Con

La seconda testimonianza risale al 1989 ed è di una donna sposata con un celebre attore televisivo, che ha chiesto di restare anonima. 

All'epoca, lavorava presso il teatro La Jolla Playhouse di San Diego e si stava occupando di una pièce intitolata Nebraska. Tra i suoi vari compiti c'era quello di aiutare gli attori a sistemarsi per il tempo che sarebbero rimasti lontani da casa e così si è trovata a lavorare con Knepper.

I due si sono incontrati nel parcheggio del complesso residenziale dove l'uomo avrebbe alloggiato e la donna l'ha accompagnato nel suo appartamento.

Quando sono stati dentro, l'attore le ha chiesto se nell'armadio ci fossero delle grucce e poi l'ha aggredita:

Ero letteralmente schiacciata contro al muro. È stato shockante. Avevo la sua lingua in gola. Non sai come reagire. È una cosa che ti coglie alla sorpresa. È stato sconvolgente, davvero. Avevo incontrato questa persona tipo 5 minuti prima.

Anche lei non ha denunciato l'accaduto e si è tenuta a distanza da Knepper per tutta la durata della rappresentazione. Ma una sera, mentre guardava con suo marito Heroes (in cui l'attore interpreta il gestore del circo Samuel Sullivan), è stata sopraffatta dall'emozione e ha raccontato tutto al compagno.

La terza donna che ha accusato Robert Knepper è Emma Julia Jacobs. L'esperienza che ha raccontato è questa.

Nell'estate del 2010, stava lavorando come stylist nel reparto trucco ed effetti speciali di Planet of Apes - Il Pianeta dell Scimmie e alloggiava presso il Sutton Place di Vancouver. La produzione procedeva a ritmi serrati e, alla fine di una settimana di lavoro molto intensa, è tornata in albergo con l'unico desiderio di crollare sul letto.

Ma in ascensore ha incontrato Knepper. L'uomo le ha sorriso, le ha detto che la vedeva sempre in palestra e poi è sceso con lei e l'ha accompagnata fino alla porta della sua camera. Pur essendo molto stanca, Emma non voleva essere scortese, l'ha fatto entrare e gli ha offerto un bicchiere d'acqua. Dopo un po', l'attore l'ha invitata a cena e di fronte alla sua insistenza pressante, lei ha accettato.

Durante il pasto, le ha rivolto delle domande personali e poi l'ha riaccompagnata in camera per prendere delle cose che aveva lasciato lì. A quel punto, la donna gli ha gentilmente fatto capire che era stanca e voleva andare a letto. Quando si è voltata, lui le è volato addosso.

Emma ha ricordato che sentiva la porta che le sbatteva contro, mentre tirava calci all'indietro contro Knepper. Ha cercato di sfuggirgli dall'altra parte del letto, ma l'uomo l'ha afferrata per le gambe e l'ha tirata verso di sé. Poi le ha strappato i pantaloni, ha fatto saltare il bottone e ha cercato di tirare giù la zip, ma l'ha rotta. La donna ha raccontato che lui le ha detto:

Voglio s******* alla follia!

Emma si è opposta, ha gridato sperando che qualcuno la sentisse e l'aiutasse e alla fine si è rannicchiata in una posizione di difesa, tenendo ben chiusa la cerniera e cercando di spingere via l'uomo. Lui ha cercato di aprirle le gambe e, non riuscendoci, l'ha costretta a un rapporto orale. Poi si è masturbato su di lei.

La donna ha raccontato a due amici cosa le era successo solo diverse settimane dopo e negli anni seguenti ha sempre fatto in modo di evitare Knepper. Ma recentemente ha partecipato alla proiezione privata di un film e, quando ha scoperto che nella pellicola c'era proprio lui, ha detto all'amico che ospitava l'evento che se fosse arrivato l'attore, lei se ne sarebbe andata.

La sua frustrazione è stata enorme quando l'uomo l'ha rassicurata dicendo che era "una brava persona".

Robert Knepper in Prison BreakHDFOX
Robert Knepper in un'immagine di Prison Break

Christy Oldham è una regista e scrittrice ed è la quarta donna che ha accusato Robert Knepper.

Era il 2013 e i due si sono incontrati all'evento per un nuovo film all'Egyptian Theater di Hollywood. Si sono messi a parlare e l'attore le ha proposto di mangiare un boccone insieme. Christy ha accettato e sono andati nel celebre ristorante Miceli's.

Durante la cena hanno iniziato a parlare della possibilità di girare un film insieme e lui le ha detto che voleva scrivere un corto. Poi le ha preso la mano e gliel'ha appoggiata sulla sua erezione

Christy ha raccontato che era spaventata, ma che non voleva darglielo a vedere e si è atteggiata a "dura". A quel punto, lui le ha detto che anche se si era appena sposato, avrebbe voluto "s*******".

Dopo sono usciti dal ristorante e lui l'ha sbattuta contro un muro, ripetendo che voleva "f*******". Ma la regista non si è fatta intimorire:

Fermo restando che è una situazione spaventosa, non volevo fargli vedere che avevo paura. Potevo avere paura dopo. Non stavo bene, ma non volevo che avesse la meglio su di me. La sua faccia era a pochi centimetri dalla mia, l'ho spinto via e sono tornata all'Egyptian Theater. Che c**** di perdente.

Robert Knepper con la moglie a Monte CarloHDGetty Images
Robert Knepper e la moglie al 55esimo Monte Carlo TV Festival

Dopo le nuove, gravissime accuse, Robert Knepper ha rilasciato un altro comunicato ufficiale, in cui nega ogni addebito:

Siamo arrivati a un punto in cui carriere costruite con il sudore sono distrutte sulla base di accuse. Sento la necessità di ribadire che le storie sul mio conto sono false. Abbiamo perso la presunzione di innocenza. Abbiamo perso il "giusto processo" e abbiamo perso la possibilità di esaminare le prove. In questo modo, abbiamo permesso ai media di diventare giudice e giuria. Fino a quando non avrò l'opportunità di avere un incontro con i miei accusatori, gestito da un mediatore imparziale e non dalla stampa e dalla TV, non dirò più nulla su questo argomento. Mia moglie, la mia famiglia e i miei amici più stretti conoscono me e come sono realmente e sono loro grato per l'amore e il sostegno che mi dimostrano.

Ma per Julia Jacobs non è che una pantomima:

Non riesco proprio a stare tranquilla, mentre lui nega il dolore che ha inflitto in tutti questi a donne che ora vengono etichettate come delle bugiarde.

Julia ha aggiunto di sperare che l'attore "chieda perdono alle sue vittime", per permettere loro di stare meglio e iniziare lui stesso un percorso di guarigione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.