FOX

Halloween 2017: da Chucky a Pennywise, 10 icone del terrore

di -

Mostri violenti, clown terrorizzanti, giocattoli killer e vampiri passionali: ci sono icone del terrore che spaventano il pubblico da decenni. Ecco 10 simboli cult di paura.

Un collage di icone del terrore

274 condivisioni 49 commenti

Share

Doppie facce, giocattoli mostruosi, animali pericolosi e pagliacci assassini si annidano negli incubi peggiori dell'horror.

Halloween si avvicina e anche quest’anno possiamo immaginarci questa festa di fine ottobre come una distesa di zucche arancioni, qualche candela accesa, l’odore dei dolcetti e, sparpagliate nella memoria e vive nell’immaginario, tante icone orrorifiche

L’orrore sul piccolo e grande schermo scorre in case infestate da spettri, in oggetti che prendono vita o in presenze soprannaturali che, dietro un volto a volte spaventoso e altre volte amichevole, nascondono la vera, terrorizzante essenza del male

In attesa della maratona halloweeniana di film (e di dolci), delle maschere più sanguinose e dei racconti più spaventosi, ripercorriamo la storia dell’horror con 10 icone emblematiche, che hanno contribuito a popolare di ansie e incubi l’immaginario di diverse generazioni.

10 – Stay Puft Marshmallow Man

Prima apparizione: Ghostbusters, 1984

L'Uomo della pubblicità dei Marshmallow camminaGiphy
Una mascotte tenera diventa simbolo di distruzione

Si tratta di un pupazzo bianco, gigantesco e apparentemente divertente e innocuo, ma chi conosce la storia del brivido sa che il male spesso ha sembianze assolutamente insospettabili.

Stay Puft Marshmallow Man (l'Uomo della Pubblicità di Marshmallow) sembra una mascotte innocente e proviene da un ricordo di Ray in Ghostbusters. 

L'omino è vestito di bianco e blu e ha un marshmallow quadrato al posto della faccia, con tanto di occhi e bocca.

Quando i protagonisti stanno combattendo contro l’oscuro Gozer, Ray è l’unico che non riesce a mantenere la mente libera e pensa a qualcosa che gli era caro durante l’infanzia, qualcosa che non potrebbe nuocere a nessuno.

Ma si sbagliava. Il gigantesco Stay Puft Marshmallow Man riemerge dalle pieghe del passato come un'entità distruttrice che si accanisce contro Manhattan.

Per fortuna i protagonisti, compatti e determinati, riescono ad avere la meglio.

9- Samara Morgan

Prima apparizione: The Ring, 2002

Samara Morgan dalla videocassetta alla realtàTumblr
Samara si materializza da una videocassetta

Samara è una bambina che è stata in grado di popolare gli incubi più terribili degli spettatori dai primi anni 2000.

Protagonista di The Ring (Gore Verbinski, 2002) e del sequel, Samara è una bambina con lunghissimi capelli scuri e una pelle molto chiara.

La sua storia è assolutamente inquietante.

Nata da una donna violentata da un prete, sviluppa un potere paranormale: riesce a trasmettere alle menti umane delle immagini terrificanti e può riversarle su pellicola. The Ring infatti racconta la storia di una serie di persone che vengono a contatto con una misteriosa videocassetta e muoiono 7 giorni dopo averne visto il contenuto.

Dopo essere stata portata via dalla madre naturale, Samara viene affidata alla famiglia adottiva dei Morgan, una coppia che, non potendo avere figli, non vedeva l’ora di prendersi cura di una bambina.

Ma, dall’arrivo di Samara, la tranquilla routine dei Morgan viene distrutta: i cavalli sembrano impazziti, la signora Morgan inizia ad accusare mal di testa e stati psicotici e presto i genitori capiscono che la colpa è proprio della piccola. 

Un giorno la madre adottiva tenta di ucciderla e, non riuscendoci, la getta in un pozzo. La ragazza cercherà di liberarsi ma non riuscirà a uscire dal pozzo e alla fine morirà di stenti, per poi tornare a perseguitare tante persone tramite le videocassette dell'orrore.

8- Lo squalo

Prima apparizione: Lo squalo, 1975

Lo squalo nel film di Steven SpielbergBuzzfeed
Lo squalo all'attacco

Gli squali, creature che popolano l'oceano, fanno paura da sempre.

Ma dopo il film di Steven Spielberg datato 1975, incutono un vero e proprio terrore. Il protagonista del cult del cineasta è uno squalo bianco che, improvvisamente, attacca i bagnanti di un'isola di villeggiatura e li uccide. 

Enorme e quasi surreale, lo squalo semina il panico nella piccola isola di Amity (un luogo di fantasia).

Lo squalo ha spaventato e destabilizzato il pubblico di diverse generazioni, tanto da influenzare il cinema stesso, come nel caso di Ritorno al Futuro: il protagonista Marty McFly, quando si trova catapultato nel 2015, ne incontra una proiezione virtuale inserita nella campagna promozionale de Lo Squalo 19.

E prova un autentico terrore.

7- Lo Xenomorfo 

Prima apparizione: Alien, 1979

Lo xenomorfo sputa insettiTenor
L'iconico xenomorfo

Lo Xenomorfo è il principale antagonista della saga sci-fi Alien, con le sembianze di un mostro dai contorni indistinti.

Lo Xenomorfo è una creatura dell'orrore di natura parassita, con una figura il cui disegno è ispirato a una vespa. Risponde a una regina ed è il principale antagonista di Ripley (Sigourney Weaver), che compie un percorso di profonda trasformazione anche a causa del contatto con il mostro.

Lo Xenomorfo è stato disegnato da un artista surrealista svizzero, Hans Ruedi Giger mentre Carlo Rambaldi curò gli effetti speciali.

Con il tempo, grazie alla qualità e alla fama della saga Alien, lo Xenomorfo ha scalato la vetta dei mostri e delle creature più spaventose del cinema horror, thriller e sci-fi.
L'alieno ha trovato anche terreno fertile nel mondo dei fumetti e dei videogame.

Gli appassionati hanno interpretato la sua figura anche in termini filosofici, come simbolo di imposizione maschilista, di malattie o altro.

6- Chucky

Prima apparizione: La bambola assassina, 1988

Chucky tra i giocattoliWifflegif
La furia di Chucky

Il mondo dei più piccoli, dei bambini e dei giocattoli è associato spesso a serial killer con disturbi mentali e atteggiamenti da regressione infantile.

Icona horror fra le più note, la bambola assassina è la trasfigurazione materiale di un serial killer di nome Charles Lee Ray.

Ucciso in uno scontro a fuoco, Ray avrebbe voluto trasmettere la propria anima a un corpo umano, impossessandosene, ma non ci riuscì. Tramite un rito voodoo, però, prese la forma di un giocattolo chiamato Tipo Bello.

Il bambolotto è un esemplare alto circa mezzo metro con occhi azzurri di vetro, capelli rossi a scodella, una salopette di jeans e una maglia a righe.

Inutile dire che Chucky acquista tutte le velleità criminali di Ray.

La saga è cominciata con il film di Tom Holland nel 1988 e ha avuto ben cinque sequel. 

Ma Chucky non è l’unico giocattolo-killer: nella storia del cinema ricordiamo anche altre icone del terrore come Annabelle, Poltergeist e Puppet Master.

5 – Ghostface

Prima apparizione: Scream, 1996

Ghostface in primo pianoTumblr
Ghostface pronto ad attaccare

Ghostface è l’icona horror della saga partita con il film Scream di Wes Craven (1996) che rovescia per la prima volta le convenzioni del genere horror rendendole manifeste, raccontandole ed esplicitando alcune regole (un esempio? Se fai sesso muori, solo le vergini sopravvivono nel genere horror).

Scream può definirsi un “meta-horror” in piena regola, con tutti gli elementi (esplicitamente dichiarati) classici del genere: un’eroina vergine pronta alla prima volta con il suo ragazzo, una serie di giovani vittime squartate e un killer che si nasconde dietro la maschera di Ghostface.

Il grottesco travestimento, creato nei colori bianco e nero, ricorda il celebre quadro di Munch: L'Urlo.

Il dipinto dell'Urlo di MunchHDArtnet
L'urlo di Munch

Dotato di un certo senso dell’umorismo, Ghostface ama intrattenere conversazioni telefoniche con le proprie vittime prima di ucciderle.

Impossibile dimenticare la sequenza di Drew Barrymore in apertura del primo film: una bionda liceale che viene intrappolata in una telefonata con Ghostface, che si diverte a farle una serie di domande prima di ucciderla.

Ghostface utilizza un coltello particolare per colpire, un modello Buck 120.

4- Hannibal Lecter

Prima apparizione: Manhunter - Frammenti di un omicidio (1986) 

Hannibal Lecter in attaccoTenor
Hannibal Lecter catturato

Hannibal Lecter, creato dalla fantasia dello scrittore Thomas Harris, ha colpito con la sua follia il grande pubblico con il primo adattamento Manhunter - Frammenti di un omicidio ma soprattutto con il film del 1991 Il silenzio degli innocenti di Jonathan Demme.

Lo psichiatra-cannibale è stato protagonista anche dei film Hannibal (2001), Red Dragon (2002) e Hannibal Lecter – Le origini del male (2007).

È stato interpretato anche da Brian Coxx, ma il volto che tutti ricordiamo è quello di Anthony Hopkins, da Il silenzio degli innocenti in poi.

Lo psichiatra Hannibal Lecter è un criminale e un serial killer dedito all’antropofagia: colto e raffinato come un gentleman, avrebbe commesso più di 9 omicidi e avrebbe mangiato i corpi delle proprie vittime.

L’ultima vittima prima della cattura dello psichiatra è stato il musicista Benjamin Raspéil morto durante una visita nello studio di Lecter e poi letteralmente cucinato: il medico, infatti, ne asportò timo e pancreas per servirli come pietanze a una cena.

Esteticamente Hannibal si presenta con i capelli lisci e una maschera che, coprendo la bocca, dovrebbe impedirgli di attaccare le sue vittime.

Le sue passioni sono due: la musica e la cucina.

3 – Freddy Krueger

Prima apparizione: Nightmare - Dal profondo della notte, 1984

Freddy Kruger agita le maniGiphy
Freddy Krueger tormenta le notti entrando nei sogni

Inconfondibile anche iconograficamente per il suo maglione a strisce orizzontali rosse e nere e il volto bruciato, Freddy Krueger è una delle icone horror più spaventose di sempre.

Assassino seriale, psicopatico e mostruoso killer della saga Nightmare, Freddy aveva una predilezione per l’uccisione dei bambini.

Giustiziato dai suoi stessi concittadini, sviluppò il potere di tornare a popolare gli incubi dei ragazzini, figli di chi aveva voluto la sua morte.

Freddy ha alcuni poteri paranormali come la telecinesi, il teletrasporto, l’auto-trasformazione e la modifica dei sogni stessi.

2 – Conte Dracula

Prima apparizione: Nosferatu il vampiro, 1922

Dracula in primo pianoGiphy
Il primo indimenticabile Dracula

Vampiro nobile e appassionato, ideato dalla penna di Bram Stoker, Dracula è uno dei simboli più importanti della storia dell’orrore.

Assetato di sangue, è un simbolo di eros e thanatos (amore e morte, antichissimo topos letterario).

La prima apparizione di Dracula sul grande schermo fu nel 1922, con Nosferatu il vampiro di Walter Murnau. Nel 1931 Dracula tornò al cinema, con Bela Lugosi che diede il volto al conte nella pellicola di Tod Browning e Karl Freund.

Nella storia, adattata (liberamente) per il grande schermo da Francis Ford Coppola in Dracula di Bram Stoker (1992), il conte viene a contatto con il giovane Jonathan Harker e la sua fidanzata Mina, che nel film Dracula identifica con una donna amata 400 anni prima. 

Il fulcro della storia diventa il rapporto tra Dracula e Mina: i due sono stati interpretati sul grande schermo da Gary Oldman e Winona Ryder.

Il vampiro assetato di sangue è una delle figure più affascinanti, oscure e sensuali del cinema del terrore.

1- Pennywise

Prima apparizione: IT, 1990

Pennywise nel film del 1990Giphy
Pennywise, clown folle, burlone e spaventoso

Stephen King aveva le idee molto chiare sui clown.

Con quel volto bianco, i capelli arruffati, gli occhi spalancati, i pagliacci a suo avviso sono un chiaro simbolo del male.

Così lo scrittore ha ideato Pennywise, il clown di IT destinato a sconvolgere e terrorizzare la comunità di Derry e, in particolare, i bambini. 

Tanto colorato quanto crudele, Pennywise non è che una manifestazione della “cosa” ("it" in inglese), che è il modo amorfo e impreciso di definire il male.

Il circo e i suoi “freak” (mostri) sono stati un’ispirazione per Stephen King, che però poi ha creato il proprio clown in modo assolutamente creativo e originale.

Pennywise vive nelle fognature e attira nella propria trappola mortale i bambini offrendo loro dei palloncini.

Il primo a cadere nella rete è il piccolo Georgie, un bambino che stava giocando con una barchetta di carta duranta una giornata piovosa.

La sua scomparsa allerta il Club dei Perdenti che decide di venire a patti con il proprio terrore e sfidare il clown nella sua stessa oscura dimora.

Sul grande schermo Pennywise è stato interpretato da Tim Curry nel film TV in due parti del 1990 e da Bill Skarsgård nell'adattamento del 2017 di Andy Muschietti, uscito nelle sale italiane il 19 ottobre.

Allora, quale di questi mostri vi terrorizza di più?

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.