FOX

I 20 libri cult da leggere almeno una volta prima dei 20 anni

di -

Non tutti i libri sono adatti a determinati periodi o età. Alcuni romanzi perderebbero la loro importanza ed il loro senso, se letti in un'età più adulta. Quali sono i 20 libri da leggere prima di aver compiuto in 20esimo anno d'età? Ecco la nostra lista!

Ragazzi che leggono libri

69 condivisioni 12 commenti 5 stelle

Share

Ci sono alcuni libri che, se letti oltre una certa fascia d'età, non trasmetterebbero le stesse emozioni e, forse, perderebbero il loro senso.

La fase tra i 12 ed i 20 anni è una fascia d'età delicata in cui predomina la voglia di scoprire ciò che ci circonda, capirlo e scomporlo. Le domande che ci si pone, durante questo periodo, sono una miriade e riguardano svariati argomenti. Un libro riesce a mostrarci un punto di vista diverso dal nostro o a svelarci dettagli inediti sul mondo.

La classifica che vi proponiamo non è una lista di libri che parlano di adolescenza, della crescita e delle sue difficoltà. I romanzi e i saggi che abbiamo scelto trattano svariati argomenti ed appartengono a generi letterari e tematiche differenti.

Se non avete ancora superato i 20 anni, ecco i 20 libri che potranno accompagnarvi e dilettarvi in questo periodo turbolento della vostra vita.

Buona lettura! 

1 - L'incanto del lotto 49

Oedipa Maas è la protagonista del romanzo di Thomas Pynchon. La donna si trova ad essere invischiata in una serie di complotti, tentativi di omicidio e pedinamenti. Il motivo potrebbe essere la scoperta dell'esistenza di Tristero, una forma di comunicazione alternativa che utilizzano milioni di persone. Tristero non è un'invenzione moderna e le sue origini risalgono al lontano medioevo.

Il giorno seguente, dopo dodici ore di sonno e di sogni sconclusionati, pagò il conto e lasciò l'albergo. Guidando lungo la penisola in direzione di Kinneret e avendo il tempo di ripensare alle cose del giorno precedente, decise di andare a trovare il suo psicanalista, il caro Dottor Hilarius, e di raccontargli tutto.Poteva darsi che si stesse trovando agganciata come un quarto di bue nella sala refrigerata di una bella psicosi, non si sa mai.

Oedipa Maas ha davvero scoperto questa forma di comunicazione o è una pura allucinazione della sua mente? Per scoprirlo bisognerà leggere L'incanto del lotto 49!

La copertina de L'incanto del lotto 49Copyright Einaudi

2 - Noi, I ragazzi dello zoo di Berlino

Noi, I ragazzi dello zoo di Berlino è un libro cult di Christiane F.. Berlino, il luogo in cui è ambientato il romanzo, viene descritto con colori cupi, a volte senz'anima: i luoghi sono semplicemente degli sfondi con la funzione di soddisfare le esigenze della protagonista (Christiane F.). Il linguaggio con cui la scrittrice descrive i suoi coetanei, il rapporto complicato con la madre ed il padre sono crudi e senza fronzoli.

Avevo in mano il barattolo di birra che pesava, tremavo perché ero a rota, e un po' forse anche perché ero intenzionata a derubare mia madre. Questo non l'avevo ancora mai fatto e per me era sempre stata la peggior cosa che potevo fare. In questo ero ancora diversa dagli altri bucomani.

Il romanzo è autobiografico e racconta come la scrittrice abbia iniziato a fumare hascisc all'età di 12 anni, arrivando ad essere un'eroinomane a 13 e a prostituirsi per potersi comprare le dosi.

Il romanzo è forte, le pagine che compongono i tasselli della vita di Christiane F. mostrano la pochezza di quel mondo trasgressivo che sembra un miraggio, perché rappresenta la ribellione. Basta poco però per poter toccare con mano l'inferno e la gabbia della dipendenza.

La copertina del libro Noi,  ragazzi dello zoo di BerlinoCopyright Rizzoli

3 - Ho pensato che mio padre fosse Dio

Nel 1999 Paul Auster lancia una sfida agli ascoltatori della radio NPR, invitando chiunque a scrivergli storie brevi. Non c'è limite argomentativo: è possibile raccontare eventi tragici o comici, l'importante è che parlino di vita e di esperienze vissute. Da questo input nasce Ho pensato che mio padre fosse Dio

Scrivere un libro di questo genere non era affatto nelle mie intenzioni. Il National Story Project è nato per puro caso, e senza una frase di sedici mesi fa, pronunciata da mia moglie una sera a cena, i racconti della raccolta non sarebbero mai stati pubblicati. Cercavo storie vere, narrate in una forma breve, ma senza alcun limite quanto all'argomento o allo stile.

Allo scrittore arrivano oltre 4mila storie in poco più di un anno e all'interno di questo libro sono state raccolte quelle più belle. Alcuni racconti parlano di alcolismo, droga, pornografia e di violenza. In altri invece si ricordano storie che risalgono all'infanzia o alla giovinezza.

La copertina del romanzo Ho pensato che mio padre fosse DioCopyright Einaudi

Nell'insieme, per la ricchezza dei contenuti, alcune storie sembrano inventate perché la realtà ha un potere intrinseco capace di sfidare le nostre aspettative sul mondo.

Le pagine di Ho pensato che mio padre fosse Dio sono un'istantanea inaspettata dell'America del tempo. È un libro che non ha la presunzione di essere perfetto ma vero, in tutta la sua complessità e versatilità, perché sono i legami che reggono i fili del gioco della vita di ognuno di noi.

4 - Universo incostante

Cosa potrebbe accadere se un giorno l'intero universo fosse governato da leggi fisiche incostanti? Vernor Vinge scrive Universo incostante, dividendo la nostra galassia in 4 zone.

La copertina di Universo incostante Copyright Nord

La prima è rappresentata dalla velocità  della luce dove c'è un limite che impedisce alla civiltà di progredire. La seconda, chiamata zona lenta, comprende la Terra. La terza è una dimensione molto estesa, dove la velocità non rappresenta un limite ma è sconfinata: all'interno di questa zona la civiltà è molto avanzata. L'ultima zona è interstellare, non ha confini ben delimitati e racchiude conoscenze illimitate in cui risiedono entità perverse, che hanno il potere distruttivo su migliaia di mondi.

Solo un'astronave riesce a sfuggire a queste forze e cerca di escogitare un piano per poter evitare la distruzione dell'intero universo.

Vernor Vinge catapulta il lettore in un mondo fantascientifico in cui le leggi della fisica seguono un tempo incostante e pericoloso. Per scoprire cosa accadrà bisognerà leggere il romanzo che ha vinto il Premio Hugo 1993 (noto premio letterario dedicato ai romanzi di fantascienza).

5 - Le porte della percezione

Quanti strumenti conoscitivi abbiamo a disposizione per scoprire il mondo? Qual è la natura dell'uomo?

Secondo Aldous Huxley ogni uomo possiede un sé segreto che può essere risvegliato in diversi modi. Ne Le porte della percezione lo scrittore racconta della sua esperienza personale, legata all'uso del principio attivo della mescalina, un potente allucinogeno conosciuto sin dall'antichità dagli indios del Messico.

L'essere umano, spesso, ha il desiderio di rifugiarsi in un piccolo posto interiore dell'anima, in cui la realtà e lo stress di tutti i giorni fanno spazio alla pace. C'è chi riesce trovarlo attraverso la preghiera e l'esercizio fisico e chi con la meditazione. Altri, invece, hanno bisogno di induzioni esterne per poter raggiungere questo luogo recondito dell'anima.

Il bisogno di trascendere la personalità cosciente dell'Io, come ho detto, è un'inclinazione dell'anima. Quando per una qualunque ragione, gli uomini e le donne mancano di trascendere se stessi con l'adorazione, le opere buone e gli esercizi spirituali, sono indotti a ricorrere ai surrogati chimici della religione: alcol e "pillole della felicità" nell'Occidente moderno, alcol e oppio in Oriente, hashish nel mondo maomettano, alcol e marjuana nell'America Centrale, alcol e coca nelle Ande, alcol e barbiturici nelle più aggiornate regioni del Sudamerica.

Aldous Huxley non vuole indurre ad abusare di sostanze allucinogene o di "droghe" legali come l'alcol. Lo scrittore cerca di mostrare al lettore il perché si faccia uso da secoli di tali sostanze.

Le pagine di questo saggio vi condurranno in un viaggio diverso, distorto e filosofico all'interno di un mondo complesso, intricato e di cui ancora oggi si conosce poco.

La copertina de Le porte della percezioneCopyright Mondadori

6 - Il profeta

Kahlil Gibran cerca di dare delle risposte, attraverso dei brevi dialoghi, alle domande che tutti ci siamo posti durante il periodo della tarda adolescenza.

Che cos'è l'amore? Cosa sono la gioia ed il dolore? A cosa serve il lavoro? Le risposte dello scrittore conducono il lettore a dare un senso più profondo alla vita e ad interpretarla con maggiore sensibilità. I pensieri contenuti all'interno de Il profeta possono essere opinabili ma per poterli condividere o criticare bisognerà prima leggerli.

la copertina de il profetaCopyright Feltrinelli

7 - Ribellione creativa

Daniel S. Johnson cerca di scrivere in modo leggero le pagine del suo saggio dedicato ai giovani. Questo non è il classico libro per teenager ma è un modo alternativo di spiegare ai giovani in cosa consiste il mondo e questo desiderio di crescere e di diventare grandi.

La copertina di Ribellione creativaCopyright L'età dell'acquario

In Ribellione creativa non ci sono prediche o paternalismi ma semplicemente un modo per spiegare i pro ed i contro della nostra società.

Il percorso che ciascuno segue, durante l'adolescenza, non è tutto rose e fiori. 

Per Daniel S. Johnson bastano un pizzico di consapevolezza e molta creatività ed energia per riuscire a superare tutti gli ostacoli legati alla crescita.

8 - Storie macabre

Gaston Leroux conduce il lettore in un mondo oscuro, spietato e terrificante. Storie macabre si compone di 6 storie che raccontano di omicidi efferati.

La copertina di Storie macabreCopyright Newton

Lo scrittore prende ispirazione dai suoi numerosi viaggi in giro per il mondo per lavoro: è stato infatti un redattore di cronaca nera. Il suo romanzo più conosciuto è Il fantasma dell'Opera.

Il libro si rifà a dei racconti leggendari sul Teatro dell'Opera di Parigi: si narra che un uomo misterioso vivesse negli antri sotterranei dell'edificio e che a lui venissero imputate alcune strane e misteriose morti.

La capacità di Gaston Leroux consiste nel riuscire a ricavare un articolo dalle situazioni più impensabili o dalle persone più difficili da intervistare: questo lo ha reso il più brillante romanziere horror e del mistero insieme ad E. A. Poe. Se siete amanti dell'horror più puro e terrificante Storie macabre vi sta aspettando!

9 - La donna eterna

Ayesha, chiamata la donna eterna, vive in Africa in luogo lontano da qualsiasi via di comunicazione. Lei è la Regina del suo popolo ed ha la facoltà di decidere della vita e della morte dei suoi sudditi e di chiunque si trovi ad oltrepassare i confini del suo regno.

La copertina del romanzo La donna eternaCopyright IPOC

Ayesha ha un forte desiderio che spera di riuscire a realizzare al più presto: ricongiungersi con il suo amato Callicrate, che non vede da millenni. Un giorno due esploratori bianchi si trovano per caso nel territorio della donna eterna e uno dei due assomiglia molto a Callicrate. Questa somiglianza risveglia l'amore di Ayesha, che decide di immergere l'esploratore nel fuoco che gli donerà l'immortalità. Per scoprire il resto bisognerà leggere il romanzo fantasy di H. Rider Haggard.

10 - Le stagioni della vita

Herman Hesse nelle sue opere predilige l'uomo e i suoi percorsi esistenziali che, spesso, sono tortuosi. L'essere umano ha un'esistenza scandita non solo dal tempo ma dalle stagioni della vita, che segnano varie tappe e mutamenti in ciascuno di noi.

Le stagioni della vita non è un romanzo  ma una raccolta di saggi inediti e citazioni sparse di alcuni suoi romanzi più conosciuti. All'interno delle pagine di quest'opera, Herman Hesse si sofferma nel descrivere ciascuna stagione della vita in tutte le sue manifestazioni.

Ai momenti indimenticabili di una vita appartengono quelli, rari, in cui uno si vede come dal di fuori e riconosce improvvisamente in sé dei tratti che prima non aveva, o che almeno gli erano ignoti: con un sussulto e un leggero spavento ci si avvede di non essere quell'entità sempre uguale, ben caratterizzata ed eterna quale per lo più ci sentiamo; ridestati per un momento da quel sogno dolcemente ingannatore, ci si vede mutati, accresciuti o diminuiti, potenziati o immiseriti; con spavento o con gioia per un momento ci vediamo e ci sentiamo immersi nel flusso infinito del divenire, del mutarsi, della fugacità che divora senza posa; cose ben note, è vero, ma da cui escludiamo di solito noi stessi e forse alcuni dei nostri ideali.

La copertina del libro Le stagioni della vitaCopyright Mondadori

Per lo scrittore ciascuna stagione della vita deve essere affrontata con serenità, nonostante alcuni momenti possano essere difficili. Ogni nostra azione dovrà essere sempre dettata dal profondo rispetto che nutriamo nei confronti dell'esistenza. Quando un uomo sente il bisogno di dare una giustificazione alla propria vita, deve chiedersi fino a che punto sia riuscito ad esprimersi sinceramente attraverso le sue azioni.

11 - Il signore delle illusioni

C'è stato un tempo in cui la Terra ospitava I Signori delle Tenebre, degli esseri immortali con poteri terrificanti. Esseri umani ed esseri immortali vivevano insieme.

La copertina del romanzo Il signore delle Illusioni Copyright Newton

Per I Signori delle Tenebre gli esseri umani non sono altro che delle pedine da manipolare per capriccio. Il signore più crudele e spietato tra tutti è Chuz, il Signore delle Illusioni, che scaglia la sua malvagità non solo sugli esseri umani ma anche verso i suoi simili. A tenere testa a Chuz c'è Azhrarn, il signore della Notte. I due si scontreranno in una dura e spietata battaglia e le vittime innocenti che moriranno saranno numerose. Il signore delle Illusioni è un romanzo fantasy capace di condurre il lettore in luoghi sconosciuti ed affascinanti.

Per sapere chi vincerà e come andrà a finire questa sanguinaria battaglia, bisognerà leggere il romanzo di Tanith Lee.

12 - Patagonia Express

Patagonia Express è un romanzo che racconta di miti, di fantasmi lontani e di luoghi paradisiaci al confine con la realtà. 

La copertina di Patagonia ExpressCopyright Tea

Luis Sepúlveda conduce il lettore a sud del mondo, mostrandogli i suoi diari di viaggio. La curiosità, associata alla voglia di indossare uno zaino per visitare posti nuovi, aiuta a conoscere meglio noi stessi, le nostre capacità di adattamento ed il nostro carattere.

Viaggiare è sempre importante e farlo da giovani è molto educativo e più avventuroso perché gli occhi di un ventenne scrutano e sono permeabili a tutto ciò che gli sta intorno.

Iniziai a camminare nel parco, poi per le strade deserte, all'improvviso mi accorsi che l'eco dei miei passi si moltiplicava. Non ero solo. Non sarei stato solo mai più. Coloane mi aveva passato i suoi fantasmi, i suoi personaggi, gli indio e gli emigranti di tutte le latitudini che abitano la Patagonia e la Terra del Fuoco, i suoi marinai e i suoi vagabondi del mare. Adesso sono tutti con me e mi permettono di dire a voce alta che vivere è un magnifico esercizio.

Patagonia Express è un libro che fa venire voglia di scoprire il mondo e cercare di conoscere quanti più posti possibili. Viaggiare è sinonimo di curiosità e di scoperta verso il mondo, oltre ad essere fonte di innumerevoli insegnamnti di vita.

13 - Le sventure della virtù

I romanzi di François de Sade sono tra i più noti per aver scandalizzato i lettori della sua epoca. Le sventure della virtù ha come protagoniste Justine e Juliette, due sorelle educate in collegio. All'improvviso le due ragazze si ritrovano sole, a causa della morte dei genitori.

Justine tra le due è quella che resta più fedele all'educazione ricevuta e sarà proprio lei ad affrontare un viaggio in cui incontrerà giudici corrotti e libertini. Juliette, invece, è di vedute meno bigotte e riuscirà a conquistare la sua libertà, vivendo una vita ricca e serena. Le pagine di questo romanzo sovvertono i classici stendardi della moralità dell'epoca svelando una realtà tutt'altro che ovattata.

François de Sade incita a vivere la propria vita all'insegna dei propri desideri, anche quelli più spregiudicati.

La copertina del romanzo le sventure della virtùCopyright ES
 

14 - Registro di classe

Sandro Onofri dedica le pagine di Registro di classe ai giovani studenti che, nei loro silenzi e comportamenti, impersonano i cambiamenti di un'epoca e di una generazione.

La copertina di Registro di classeCopyright Einaudi

Il libro è una sorta di breviario che mostra i problemi che affliggono i giovani.

La scuola, gli obblighi ad essa correlati e i voti dei professori rientrano tra i crucci principali giovanili.

Uno studente, secondo Sandro Onofri, dalla scuola non deve ricevere solo obblighi ma anche la libertà di divertirsi e di esprimere la propria personalità. Riuscire a stimolare la creatività nei ragazzi sarà in grado di arricchirli.

Per lo scrittore è importante praticare la libertà, un elemento utile per riuscire ad accettare le differenze esistenti nel mondo e diventare degli adulti migliori di quelli che, spesso, vediamo in giro.

15 - Sulla strada

Sulla strada è uno dei romanzi di Jack Kerouac più letti di sempre.

La copertina del romanzo sulla stradaCopyright Mondadori

Il romanzo è ambientato negli anni '40 e descrive gli intellettuali che seguono il movimento della Beat Generation. I protagonisti del libro vivono opponendosi ai canoni borghesi, viaggiano in autostop e vivono all'insegna della libertà e dell'avventura.

Sulla strada rappresenta un periodo di rottura con i valori americani dell'epoca. Secondo noi, un'adolescenza senza aver letto Sulla strada sarebbe incompleta.

16 - Qualcosa

Qualcosa è l'ultimo romanzo illustrato di Chiara Gamberale. È un libro che si legge tutto d'un fiato, che fa sorridere e riflettere sulla nostra vita moderna e sull'incapacità sempre più dilagante di non riuscire a stare da soli, neanche un minuto, con la nostra individualità e i nostri buchi neri.

Per scoprire il resto di Qualcosa potete leggere la nostra recensione del libro.

17- Il monaco

Il monaco di Matthew Gregory Lewis è il romanzo gotico per antonomasia.

La copertina del romanzo gotico Il monacoHDCopyright Mondadori

Se amate le storie scandalose, intricate e segrete che si nascondono dietro l'istituzione ecclesiastica, questo è il libro adatto a voi.

Prima dei vent'anni tutto ciò che sembra perfetto e inconfutabile, come ad esempio la religione, viene maggiormente preso di mira dai giovani per essere analizzato e scomposto in tutte le sue parti.

Le vicissitudini di Ambrosio, che diventerà un peccatore accanito, vi stravolgeranno!

18- Zanardi

Zanardi, detto Zanna, è un personaggio ideato da Andrea Pazienza. È un ragazzo di 21 anni, ha un viso spigoloso e un naso molto pronunciato.

Zanardi non ha morale ed è tendenzialmente un cattivo: si diverte a fare del male alle persone senza avere una reale motivazione. Andrea Pazienza in un'intervista ha descritto così il suo personaggio:

La caratteristica principale di Zanardi è il vuoto. L'assoluto vuoto che permea ogni azione. 

Zanardi è un ragazzo annoiato dalla politica, dalla società in cui vive e ciò che maggiormente gli interessa è la cura del suo corpo.

Copertina di Zanardi 2Copyright Fandango

19 - Il Miglio verde

Il Miglio verde è un romanzo di Stephen King, scritto nel 1996 e vincitore del Premio Bram Stoker (ambito premio letterario statunitense dedicato ai romanzi dell'orrore).

La copertina de Il Miglio verdeCopyright Pickwick

La voce narrante del romanzo è quella di Paul Edgecombe, il capo delle guardie del braccio della morte di Cold Mountain: l'uomo ormai vecchio decide di raccontare la sua vita trascorsa in quel triste luogo.

Il protagonista principale del romanzo è John Coffey, un enorme uomo nero, che si trova in carcere con l'accusa di omicidio e abuso di due bambine. Il personaggio di Coffey è in grado di suscitare rabbia, repulsione, tenerezza e una profonda umanità.

Per scoprire il resto non vi resta che leggere il Miglio verde!

20 - Io sono leggenda

Un'epidemia ha trasformato tutti gli uomini in vampiri ma l'unico a non essere stato infettato è Robert Neville. L'uomo, per poter sfuggire ai vampiri, è costretto a girare di giorno per la città e di notte a barricarsi in casa. I vampiri ogni sera cercano di entrare nella sua abitazione per nutrirsi del suo sangue.

Dopo un anno Robert Neville cerca di scoprire la causa di questo virus e come mai sia riuscito a diffondersi così rapidamente. Cosa succederà lo potrete scoprire solo leggendo Io sono leggenda di Richard Matheson.

La copertina di Io sono leggendaCopyright Fanucci

Quali tra questi 20 libri cult avete già letto? Quale tra questi vi incuriosisce di più? Quali altri libri consigliereste?

Scrivetecelo nei commenti!

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.