FOX

IT e gli altri: ecco i 20 cattivi più spaventosi di Stephen King

di -

Bestiali, mostruosi, violenti, perversi: la schiera dei cattivi di Stephen King non farebbe addormentare qualcuno neanche dopo una buona tazza di camomilla. Ecco i 20 più spaventosi.

Un collage con Stephen King, Pennywise, Cujo e romanzi di King

682 condivisioni 2 commenti 5 stelle

Share

Molti anni prima di Stephen King visse un ottimista di nome Edgar Allan Poe, che credeva agli incubi.

Tremiamo nella violenza del nostro conflitto interiore, del definito contro l'indefinito, della sostanza contro l'ombra/ Ma, se la lotta è giunta a tanto, sarà l'ombra a prevalere, e noi ci affanniamo invano.

Alle schiere degli incubi, Stephen King contrappone un approccio cubista, decostruendo il male in frammenti eterogenei: ecco perché i cattivi dei romanzi de Re dell’Orrore sono un cane malato, un’auto schizofrenica, un’infermiera psicopatica, un hotel in mezzo alla neve. Tutto è un pezzo di qualcosa, tutto è potenzialmente il Male.

Gli incubi e i deliri di Stephen King non hanno una matrice diversa dagli spettri che terrorizzano l’inconscio umano: immaginiamo quest'ultimo come un vaso di Pandora, pronto a scoperchiare tutte le fragilità.

Ora siamo pronti a (ri)scoprire un nuovo terrificante Pennywise al cinema, con l’arrivo (il prossimo settembre) del nuovo IT. Ma chi sono gli altri cattivi sanguinari, spettrali e striscianti dei libri di King? Quali sono i più iconici e spaventosi?

Stephen King in una foto recenteHDGetty Images
Stephen King

Ecco una possibile classifica, tracciata sull'esperienza personale.

20- Bob Anderson (Notte buia, niente stelle – Un bel matrimonio)

Cosa fareste se a 50 anni, in una sera stellata, dopo la tisana e una buona lettura scopriste casualmente che il vostro affettuoso marito è il serial killer che sta spargendo sangue e morte da anni negli Stati Uniti?

Il dilemma colpisce Darcy all’improvviso come uno schiaffo ghiacciato in faccia.

Moglie appagata, Darcy non vuole credere che suo marito sia un assassino, ma di fatto lo è. Il conflitto interiore di cui parlava Edgar Allan Poe esplode come una bomba nell’incredula cinquantenne che una scatola misteriosa e Google (dove Darcy si affretta a fare ricerche) fanno precipitare in pochi minuti nell’incubo. 

Cosa fare con un marito che ha due facce? Il problema è che, tra queste, il Dottor Jekyll proprio non esiste e Mr. Hyde è l’ego più gentile.

19- Jimmy Dolan (Incubi e Deliri – La Cadillac di Dolan)

Il film tratto dal romanzo, La Cadillac di DolanIMCD
La Cadillac di Dolan

Jimmy Dolan è un boss spietato che ha due caratteristiche: la disinvoltura nell’uccidere le donne e l’attaccamento feticista alla propria auto, una Cadillac.

Dopo aver massacrato alcune prostitute e una testimone oculare, Elizabeth, il marito della donna, decide che la propria vendetta contro Dolan passerà proprio attraverso la sua macchina.

18- Lee Harvey Oswald (22.11.63)

Lee Oswald fuori da casa suaThe Wrap
Una foto di Lee Oswald fuori da casa sua

Lee Oswald non è un cattivo qualunque. È un personaggio preso in prestito dalla Storia, ricollocato nella squallida realtà suburbana di Dallas con una moglie e una bambina, vivisezionato dall’ossessione politica e delle debolezze alcoliche e ripresentato come dirimpettaio inconsapevole del professor Jake Epping, deciso a salvare Kennedy. 

Nevrotico, paranoico e ossessivo, Lee viene descritto come instabile, psicolabile e violento nei confronti della moglie Marina.  

Cosa fare quando si interagisce con la Storia? Perché è meglio non cambiare il suo corso?

In ogni caso, nella linea del passato ri-stabilita da Jake Epping, Lee viene ucciso dagli agenti di sicurezza nel proprio nido da cecchino.

17- Samuel Norton (Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank)

Avido, corrotto e meschino, Samuel Norton è il direttore del carcere dove viene rinchiuso Andy Dufresne nel breve racconto Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank, che ha ispirato il famoso Le ali della libertà (presente di diritto fra i migliori film di sempre, secondo noi).

Norton crede in due cose: la disciplina e la Bibbia, anche se scrostando la facciata del buon cristiano emerge tutta la disumanità che lo contraddistingue.

Samuel Norton nel film Le ali della libertàHDStephen King Wikia
Eccolo nel film Le ali della libertà

Sarà proprio lui a ordinare torture e maltrattamenti assurdi all’interno di Shawshank. Ma non sa che la libertà è una spinta potente (come Rita Hayworth) ed è in grado di liberare un prigioniero. 

16- Margaret White (Carrie)

Se fosse vero che le colpe delle madri ricadono sulle figlie, Margaret White avrebbe ben poco di cui non vergognarsi.

La povera Carrie White è un’adolescente vessata. A scuola viene continuamente bullizzata mentre a casa è oppressa dalle follie della madre, ossessionata dalla religione e dal peccato.

Il potere della telecinesi, di cui è dotata la ragazza, fa pensare a Margaret che provenga da Satana. Proprio come le mestruazioni, qualcosa di impuro e maledetto: quando arrivano per la prima volta a Carrie, sua madre è convinta che siano un simbolo del male e vuole vietarle di andare al ballo della scuola.

Questa moderna e sanguinosa (suo malgrado) Cenerentola si ribella all’autorità fanatica e si cuce il vestito da sola. Alla festa – purtroppo per lei e per tutti i suoi compagni di scuola - non conoscerà un principe, ma accadrà qualcosa di inimmaginabile.

E la madre di Carrie non è innocente di fronte al massacro finale del romanzo.

15- The Buick (Buick 8)

Che succede quando il Male si reifica in un’auto, anzi, una Buick? Prova a spiegarlo Stephen King in Buick 8, una catena di storie dell’orrore in cui la macchina è la sinistra antagonista. 

Il veicolo sembrerebbe una vecchia Buick Roadmaster del 1954, che viene lasciata in una stazione di rifornimento da un uomo misterioso.

Presa in custodia dalla polizia, la macchina inizia a manifestare segni di “umanità”: le ruote non sterzano, il cruscotto ha strumenti solo disegnati e la macchina è in grado di autoripararsi. La Buick emette strani lampi di luce e genera creature oscure.

Una Buick 8 di fine anni '50HDWikimedia
Una Buick come quella del romanzo

Ned è convinto che la Buick sia responsabile della morte del padre, ma nel caso cosa si può fare? Distruggerla?

Il narratore, Sandy, paragona l’auto a Dio.

Nessuno può capirlo, nessuno conosce i suoi piani.

14- Brady Hartsfield (Mr. Mercedes)

Brady Hartsfield è uno psicopatico che ha un modo di operare molto vicino ai fatti di attualità degli ultimi tempi. Utilizzando una Mercedes, l’uomo fa una strage in una fiera del Midwest indossando una maschera da clown (lo spettro di Pennywise colpisce regolarmente). E poi fa partire una lotta con la polizia, giocando al gatto col topo.

Hartsfield è un uomo qualunque, dimesso, che sfodera un gran sorriso quando chiede lo zucchero ai vicini e si occupa dell’anziana madre.

Ma Hartsfield è molto meno innocuo di quanto sembri: non è solo un killer che prende di mira la polizia, ma istiga anche gli agenti al suicidio.

Quali sono i segreti perversi dell’assassino, soprannominato Mr. Mercedes?

13- La nebbia (La nebbia, Scheletri)

Sappiamo che in Stephen King il Male può prendere diverse forme: ben oltre la “banalità” di cui parlava la Arendt, sovrasta esseri animati e inanimati, animi corrotti, oggetti demoniaci e anche condizioni atmosferiche crudeli.

La nebbia è il romanzo breve che apre la raccolta Scheletri. È ambientato nella cittadina di Bridgton nel Maine, avvolta improvvisamente da una fitta nebbia che ingloba tutto, soprattutto il supermercato del paese. Lì le persone dovranno confrontarsi con minacce celate dal velo grigio che sta fagocitando qualunque cosa e dalle loro stesse paranoie, pronte a trasformarli da prigionieri disagiati a psicopatici in preda alla follia. 

La Nebbia semina il panico al supermercato nel film omonimoHDStephen King Wikia
La nebbia avvolge il supermercato

La nebbia è un antagonista pericoloso, nascosto e strisciante. Il motore narrativo del terrore si basa sull’ignoto: la nebbia è un velo spesso e insidioso, che non si sa cosa nasconda. Ed è l’ignoranza a scatenare la paura, che a sua volta scatena il terrore atavico e le ripercussioni violente sugli esseri umani. (In)consapevolmente, Stephen King ha parlato di condizioni atmosferiche e ha stilato un trattato antropologico.

12- Leland Gaunt (Cose preziose)

La copertina del romanzo Cose PrezioseSperling & Kupfer
Il romanzo di Stephen King

Cosa sei disposto a fare per avere un oggetto che vuoi disperatamente?

Si potrebbe chiederlo a Leland Gaunt, il sinistro negoziante di Cose Preziose. Nel suo negozio, appena aperto nella cittadina di Castle Rock, si può trovare qualunque cosa: la figurina preferita, una pomata miracolosa, gioielli di valore. Ma il sinistro negoziante non chiede soldi in cambio, bensì piccoli “favori”: soprusi, attacchi, tradimenti, atti di vandalismo.

Ben presto, dalle “piccole cose” si passa alle “grandi cose” e la città precipita nel caos.

È come vendersi l’anima al diavolo? E Gaunt è il diavolo?

Lo sceriffo di Castle Rock Alan Pangborn ne è convinto, anche se in realtà – pensandoci bene – non è Leland Gaunt il vero depositario del Male.

È l’animo umano, attratto dalla “tentazione” di vendere un principio morale in cambio di una cosa, la vera metà oscura della storia. Leland Gaunt è il sinistro esecutore materiale, che non ha che da mettere tutti l’uno contro l’altro.

11- George Stark (La metà oscura)

George Stark è l’alter ego dello scrittore protagonista, Thad Beaumont, che vive in una piccola città del Maine. Thad scrive opere impegnate mentre Stark è il suo doppio che si sfoga creando romanzi su un assassino violento chiamato Alexis Machine e apprezzato molto dal pubblico.

Quando tutti scopriranno che Stark non è altri che Beaumont, lo scrittore e la moglie organizzeranno una falsa morte dello scrittore, che però uscirà dalla falsa tomba e inizierà a vendicarsi contro tutti i responsabili.

Stark, si scoprirà poi, è il gemello “residuale” rimasto in parte della testa di Beaumont e responsabile di molti suoi mal di testa. 

La storia, di matrice horror ed estremamente affascinante, ha più di uno sprazzo autobiografico: avete presente Richard Bachman, pseudonimo di King? Ha scritto romanzi più violenti e oscuri rispetto a quelli del Re.

10- Randall Flagg (La Torre Nera)

Da molti è considerato il peggior cattivo delle schiere orrorifiche di Stephen King.

Servitore del Re Rosso, come lui appare in diversi romanzi: La Torre Nera, L’ombra dello scorpione, Gli occhi del drago. È una sorta di stregone devoto all’oscurità e alla necromanzia.

Il suo scopo, subordinato all’entità malefica del Re Rosso, è generare caos, guerre, conflitti, epidemie, odio.

Aveva in animo niente di più e niente di meno che il rovesciamento totale della monarchia, una rivolta efferata che avrebbe fatto piombare Delain in un millennio di oscurità e anarchia.

9- Greg Stillson (La zona morta)

Greg Stillson è una sorta di prefigurazione fantapolitica dell’Apocalisse presidenziale che si abbatterà sugli Stati Uniti e che molti identificano con il mandato di Donald Trump: forse anche per questo a breve verrà realizzato un audiolibro con la voce narrante di James Franco

A svelare il pericolo è Johnny Smith, eroe inconsapevole e suo malgrado che – dopo un lungo periodo di coma – scopre di aver sviluppato poteri che lo rendono capace di leggere il futuro e il passato delle persone solo toccando la loro mano.

James Franco a un evento ufficialeHDGetty Images
James Franco sarà la voce dell'audiolibro de La zona morta

È così che, per puro caso, scopre che il candidato al Congresso del New Hampshire sarà il futuro Presidente degli Stati Uniti d'America e devasterà la nazione in modo così terribile che Johnny si sentirà chiamato in causa a fermare la sua ascesa.

8- Cujo (Cujo)

La copertina di CujoSperling & Kupfer
Il romanzo di Stephen King

Il Male in Stephen King può prendere anche le sembianze di un cane malato di rabbia. A Castle Rock, solita cittadina del Maine, vive Cujo, un San Bernardo che appartiene a un meccanico che ha una fattoria.

Dolce e affettuoso, Cujo è un vero gioiello per la famiglia finché un giorno, per caso, gli occhi nocciola del cane si trasformano in due scintille rosse e rabbiose.

Forse il piccolo Cujo è diventato idrofobo? Gli umani intorno a lui non hanno idea di cosa li aspetti. E il San Bernardo si è trasfigurato in una sorta di surrogato del Male.

7- Christine (Christine – La macchina infernale)

Se una donna gelosa è capace di tutto, non immaginate cosa potrebbe fare una macchina gelosa.

La storia d’amore (morboso e folle) coinvolge Arnie Cunningham e la sua Plymouth Fury del 1958, chiamata Christine.

Arnie, 17 anni, compra Christine per soli 250 dollari e s’impegna a regalarle un restyling, per trasformarla in una splendida macchina, proprio come In My Fair Lady (sì, più o meno). Aleggia qualcosa di sinistro intorno a Christine e il migliore amico di Arnie se ne accorge, ma il ragazzo è letteralmente infatuato della macchina.

Christine contraccambia fin troppo: in modo terrificante, si metterà in mezzo a tutti i legami di Arnie con chi lo circonda, seminando distruzione, distacchi e terrore.

Arnie si rende conto di doverla distruggere, a costo di perdere parte del proprio cuore.

6- Carrie White (Carrie)

Tecnicamente Carrie non è l’antagonista ma una protagonista che diventa, inconsapevolmente, strumento di morte e distruzione.

L’empatia del lettore si pone completamente dalla parte di Carrie, che scoprendosi forte del potere della telecinesi fa una strage di morte e sangue al liceo di provincia, quel liceo popolato da compagni di classe che la prendevano in giro e che hanno architettato lo scherzo orrendo di coprirla con sangue di maiale.

L’incendiaria, come la chiamava alternativamente Stephen King, crea il caos vero e proprio rovesciando un sistema e un ordine (mostruoso, crudele) che trasforma in morte.

Non è così facile dire se questa sfortunata protagonista sia “la buona” o “la cattiva” della storia.

5- Re Rosso (La Torre Nera)

Il Re Rosso è un personaggio di finzione creato dalla fantasia di Stephen King e che intercetta trasversalmente diverse sue storie.

È crudele, immortale, potente e conosciuto con diversi nomi. Secondo qualcuno sarebbe un alter ego malato della divinità benefica Gan.

Ne La Torre Nera il Re Rosso punta a distruggere la torre, forza centripeta su cui è strutturato il romanzo.

In Insomnia il Re Rosso appare sotto forma di una forza oscura che spinge un cittadino di Derry a commettere un atto terroristico. A fermarlo proverà il protagonista Ralph Roberts. In Cuori in Atlantide Ted Brautigan è vessato dai cosiddetti Uomini bassi, che cercano di catturarlo (e si scoprirà solo successivamente che sono alle dipendenze del Re Rosso).

4- Il tempo (22.11.63)

La linea del tempo può essere immaginata come un elastico “non così elastico”: se provi a deformarlo generalmente ti segue, ma se lo deformi troppo si spacca, generando conseguenze a catena devastanti. 

Un elastico “non così elastico” inoltre resiste colpendo chi sta cercando di modificarlo. È il caso di Jake Epping di 22.11.63 che, provando a evitare catene di delitti o addirittura l’omicidio presidenziale, “provoca” il tempo che reagisce contro di lui.

James Franco in una scena di 11-22-63HDHulu
James Franco lotta contro il Tempo che resiste

Jake viene vessato con un’influenza intestinale, che poi si trasforma in "impedimenti" sempre più gravi e pericolosi: la rottura di un arto, un incidente. Ma siamo sicuri che il Tempo stia davvero remando contro, che sia un nemico dell'umanità?

3- Overlook Hotel (Shining)

Un possibile Overlook Hotel di ShiningHDABC News
Uno spettrale Overlook Hotel

Stephen King non ha un bel rapporto con le stanze d'albergo (ricordate 1408?) e non lo avrà più neanche chi legge i suoi romanzi. Ma se in 1408 la furia malefica è imbottigliata solo in una singola camera, in Shining è l'intero comprensorio, sparso tra le montagne innevate, a essere posseduto da forze spaventose.

Uno scrittore lo sa: il mattino ha l'oro in bocca, come la sera, la notte e le ultime ore del pomeriggio.

Ma Jack Torrance non ha idea della trasformazione che lo colpirà quando accetta di fare il custode invernale all'Overlook Hotel insieme a moglie e figlio. Le ripercussioni saranno davvero orrorifiche, qualcosa oltre l'immaginazione.

Dal romanzo è stato tratto il famoso film di Stanley Kubrick, con un Jake Nicholson teso e vitreo nel ruolo di Torrance.

2- Annie Wilkes (Misery)

Che tipo di rapporto morboso può instaurare una dolce lettrice con il proprio scrittore preferito?

Lo scoprirà Paul Sheldon, scrittore da poco uscito dal coma che incorre in un incidente stradale dovuto alla neve. Verrà "salvato" e accolto in casa da Annie Wilkes, infermiera solerte e sua grande ammiratrice. Ma non ci vorrà molto per far scoprire a Paul che la donna è una psicopatica con il passato da serial killer.

Avete mai sentito parlare di fanatismo? Ecco, Annie adora i romanzi di Paul e non può sopportare che l'eroina Misery sia morta: decide quindi di tenerlo prigioniero con una macchina da scrivere e obbligarlo a comporre un nuovo romanzo con il ritorno della protagonista.

Ma come sfuggire da quella gabbia di orrore?

Drogato e maltrattato dalla donna, Paul dovrà trovare un metodo per uscire e per non far soffocare la propria creatività da quello che per alcuni è il "blocco dello scrittore" e per lui si trasfigura nella furia di una donna pronta ad amputargli parti del corpo o a ucciderlo, se non segue le sue istruzioni.

Annie Wilkes è una delle criminali più spaventose del mondo dei cattivi di King. 

È stata votata come 17esimo maggior criminale di tutti i tempi dall'American Film Institute durante la festa del centenario.

1- Pennywise (IT)

L'orrore di IT, considerato il grande capolavoro di Stephen King, passa attraverso la maschera malinconica e colorata di un clown.

La copertina del romanzo It di Stephen KingSperling & Kupfer
Il romanzo di Stephen King

Si tratta proprio di Pennywise, malvagia incarnazione del Male che attira i bambini di Derry con palloncini (nel 2017 basterebbero per suscitare la loro attenzione o sarebbero necessari degli iPhone?). Pennywise vive nelle fogne, appare ovunque ma solo ai bambini.

Come intervenire prima che faccia sparire tutti i minorenni di Derry? A sfidarlo ci pensa il Club dei Perdenti, di cui fa parte il fratello maggiore di un bimbo catturato da Pennywise mentre rincorreva la propria barchetta di carta.

Pennywise è una delle figure più spaventose della storia del crimine: incubi e insonnia sono stati una delle conseguenze più raccontate dopo la lettura del romanzo (o la visione della miniserie TV del 1990 che ha adattato il libro). Anche il concetto del clown è cambiato per sempre nell'immaginario collettivo: da figura divertente delle feste per bambini, il pagliaccio è diventato depositario di orrore e morte.

Poco prima della promozione del nuovo film IT, diretto da Andy Muschietti, si sono verificati negli USA episodi di persone travestite da clown (innocue, ma fino a un certo punto) che agitavano un coltello e spaventavano i passanti per strada, nei garage, nelle zone di campagna.

Anche Stephen King è intervenuto sulla "clown hysteria".

Ehi gente, è tempo di raffreddare l'isteria per i clown. La maggior parte di loro sono buoni, rallegrano i bambini e fanno ridere la gente.

Non sarà facile, dopo aver conosciuto Pennywise.

Presto tutti gli antagonisti saranno raggruppati nella serie antologica Castle Rock, che vedrà la collaborazione dello scrittore con J.J. Abrams.

Voi cosa ne pensate? Qual è il cattivo di Stephen King che vi fa più paura?

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.